Secondary ticketing, ci sono già i primi indagati

La trasmissione le Iene non ha fatto che parlare di un fenomeno vecchio quasi come il mondo, ma ha avuto il merito di puntarci i riflettori e alzare un polverone che ha portato, nei giorni scorsi, anche all’apertura di un’inchiesta giudiziaria che si spera inchiodi i colpevoli alle loro responsabilità.

Prosegue l’inchiesta sulle presunte irregolarità nella vendita on-line dei biglietti per i concerti: la Guardia di Finanza ha perquisito nella mattinata di mercoledì gli uffici della Live Nation Italia e di VivoConcerti.

Le indagini sono al momento suddivise in due filoni. Il primo filone di inchiesta, che vede nello specifico ipotizzati a carico di ignoti i reati di truffa informatica e sostituzione di persona, punta a individuare coloro che, tramite anche speciali software e con falsi profili e falsi dati, aggirerebbero il meccanismo di limitazione della vendita online dei biglietti a prezzi “normali” e di cui ha l’esclusiva TicketOne, acquistandoli così in blocco di migliaia e migliaia.

Il secondo filone dell’indagine, che ha preso spunto proprio dai servizi delle Iene, riguarda il sistema di commercializzazione. Al centro c’è la sospetta vendita diretta di un pacchetto, anche consistente, di biglietti da parte di Live Nation Italia e Vivo Concerti sempre ai siti di secondary ticketing e sempre per la rivendita a prezzi più alti.

La Procura vuole chiarire le dinamiche che avrebbero portato all’accaparramento dei biglietti da parte dei cosiddetti “bagarini online” e il funzionamento del sistema del commercio via web del secondary ticketing. Gli accertamenti riguardano in particolare il concerto della scorsa estate di Bruce Springsteen e quelli in calendario per il prossimo luglio dei Coldplay a Milano.

Live Nation, ha già fatto sapere, in una nota, di essere «sicura della correttezza del proprio operato» e ha ricordato di aver «mostrato la massima collaborazione e trasparenza nei confronti degli organi competenti».

Next Post

Stefano Bettarini, la verità sul "trono" futuro

Ha rischiato persino di essere espulso dal Grande Fratello Vip, dopo aver elencato in modo dettagliato molte delle sue conquiste collezionate in fruttuosi anni da latin lover, ma Stefano Bettarini, oltre ad essere uno scapolo impenitente, continua a marciare sulla sua fama da “tombeur de femme”. Da quando è uscito […]