Si ferma al traguardo e lascia vincere l’avversario, ecco il motivo
Si ferma al traguardo e lascia vincere avversario ecco il motivo

Un triatleta ha ricevuto migliaia di lodi per la sua dimostrazione di sportività nel permettere al suo avversario di tagliare per primo il traguardo durante una gara in Spagna

Il triatleta spagnolo Diego Mentriga ha notato che il suo concorrente ha sbagliato strada poco prima del traguardo del Santander Triathlon, come riporta il Daily Mail . Il piccolo ma cruciale errore dell’atleta britannico James Teagle avrebbe potuto giocare a favore di Mentriga, permettendogli di prendere il terzo posto nella maratona e un posto sul podio.

Ma il 21enne ha mostrato una commovente sportività quando si è fermato al traguardo e ha permesso a Teagle di attraversarlo per primo. “E’ stato di fronte a me tutto il tempo. Se lo meritava“, avrebbe detto Diego Mentriga.

Il filmato mostra l’atleta britannico che si imbatte in una recinzione durante la maratona di Barcellona. Dopo aver realizzato l’errore del suo avversario, Diego Mentriga ha rallentato per fargli tagliare per primo il traguardo. Il signor Teagle ha mostrato la sua gratitudine stringendogli la mano prima di scavalcare il traguardo. 

Il video di Mentriga che si arrende con conseguente medaglia di bronzo al suo rivale, è diventato enormemente virale sui social media.

Il filmato ha raccolto ben 6,6 milioni di visualizzazioni su Twitter, dove è stato inondato di elogi per Mentriga.

Così elegante e dignitoso“, ha scritto uno, mentre un altro ha detto: “Che gesto! È un vero vincitore nella vita“.

Il sig. Teagle ha inoltre elogiato il suo concorrente in seguito. “Pensavo fosse finita. Ma Diego M’ntriga ha fatto qualcosa di inaspettato. Mi ha lasciato passare. Dimostra un’incredibile sportività e ha dimostrato di essere integro!” lo ha riferito SVT Sport .

Loading...
Potrebbero interessarti

Il Milan attende di sapere se Jackson Martinez farà parte della rosa

Il campionato si è appena concluso ma il calciomercato è nel vivo,…

Napoli calcio, ecco perché la celeberrima maglia è azzurra

Non bisogna essere tifosi incalliti per riconoscere una squadra di calcio dal…