Sicilia, in Italia tornano a crescere contagi e diagnosi di HIV e Aids

Le infezioni sessualmente trasmesse (IST) costituiscono un gruppo di malattie infettive molto diffuse che interessano, a livello globale, milioni di individui ogni anno e la loro prevenzione rappresenta oggi uno degli obiettivi di sanità pubblica ad alta priorità.

Secondo l’OMS, ogni anno, a livello globale, sono circa 357 milioni le nuove infezioni di cui 1 su 4 rappresentate da: clamidia, gonorrea, sifilide e tricomoniasi.

I giovani tra 15 e i 24 anni rappresentano la fascia di età molto più esposta allo sviluppo di queste patologie.

Un’adolescente su 20 presenta un’infezione batterica acquisita per via sessuale, e l’età in cui tali infezioni si presentano sta diventando sempre più bassa. Si stima che più di 500 milioni di persone abbiano un’infezione genitale dovuta a virus herpes simplex (HSV). Oltre 290 milioni di donne hanno un’infezione da papillomavirus umano (HPV), una delle IST più letali.

Le IST sono molto spesso asintomatiche, favoriscono l’acquisizione e la trasmissione dell’HIV, possono comportare gravi sequele e complicanze (in caso di mancata o errata diagnosi e terapia), quali: sterilità, gravidanza ectopica, parto pretermine, aborto, danni al feto e al neonato, tumori.

Sicilia in Italia tornano a crescere contagi e diagnosi di HIV e Aids

A Palermo, all’Astoria Palace Hotel, nel corso del congresso nazionale “Aggiornamenti in Papilloma virus umano e infezioni sessualmente trasmissibili” diretto da Tullio Prestileo, dirigente medico di Malattie infettive dell’ospedale Civico di Palermo, e da Giuseppe Scaglione, dirigente medico di Ostetricia e Ginecologia sempre al Civico, si è parlato della situazione italiana e i numeri non sono certo incoraggianti.

Tornano infatti ad aumentare i casi di Aids e sifilide in Sicilia, e in gran parte delle regioni italiane. Dopo alcuni anni di decremento, a partire dal 2012, la curva dei nuovi contagi è tornata ad essere in crescita.

Nel corso del 2017 all’ospedale Civico di Palermo, centro di riferimento regionale per la Sicilia per le malattie sessualmente trasmissibili, sono stati 65 i nuovi casi di Aids riscontrati. Un dato in incremento rispetto agli scorsi anni: nel 2016 erano stati 53, 42 nel 2015, 34 nel 2014, 20 nel 2013. E in ogni caso un dato come quello dell’anno appena concluso non ha precedenti almeno dal 2009.

L’identikit di chi contrae l’Aids abbraccia tre grandi categorie: nel 40% dei casi si tratta di omosessuali maschi fra i 20 ed i 35 anni; un’altra fascia altrettanto ampia riguarda donne eterosessuali migranti, in questo caso l’età si abbassa ai 18-25 anni. Il restante 20% dei contagi riguarda eterosessuali, uomini e donne in egual misura, che hanno un’età fra i 40 ed i 60 anni.

Non si muore più di Aids – spiega Tullio Prestileo, dirigente medico di Malattie infettive dell’ospedale Civico di Palermo e fra degli organizzatori del congresso – perché le terapie sono efficacissime ma è evidente un abbassamento della guardia e una mancanza di consapevolezza dei fattori di rischio”.

La situazione non è migliorata neppure per l’Hiv: nel 2016 le nuove diagnosi di infezione da Hiv in Sicilia furono 274. Quasi il doppio di quelle di appena sei anni prima: nel 2010, infatti, i nuovi casi riscontrati erano stati 143 con una crescita praticamente costante anno dopo anno.

I dati nazionali rivelano che le nuove diagnosi di Hiv crescono nella fascia di età dai 20 ai 29 anni, con un picco in quella tra i 25 e i 29. Ma anche tra i ragazzi dai 15 ai 19 anni il dato, pur limitato nei numeri, è in aumento significativo.

E non è un caso che i volontari delle associazioni impegnate nella prevenzione, come la Lila, non vengano più invitati nelle scuole per informare i giovani, pur essendo disponibili a farlo. Il fatto è che l’Aids è scomparso dall’agenda dei mass media e questo perché, in linea di massima, a differenza degli anni Novanta, non si muore più a causa di questa infezione.

Analoga la situazione per quanto riguarda la sifilide: nel 2017 le diagnosi sono state 44, contro le 31 del 2016, le 19 del 2015 e le 14 del 2014. In questo caso ad essere più colpiti sono i giovani uomini, l’età media è di 37 anni, e il rapporto maschi/femmine è di 8 a 1.

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Onde d’urto per risolvere la disfunzione erettile

Una soluzione definitiva ad un problema che affligge tantissimi uomini e che…

Oggi 7 giugno è la “Giornata Nazionale della Medicina Interna sulla prevenzione della Sindrome Metabolica”

Un problema molto grave, e purtroppo anche diffuso, tra la popolazione è…

La genetica viene in soccorso per smettere di fumare

La forma di dipendenza creata dal tabagismo è l’abitudine a bruciare le…

Pesticidi sono responsabili anche di diabete ed obesità

I pesticidi, o antiparassitari, sono sostanze chimiche impiegate in agricoltura nell’eliminazione degli organismi…