Svezia: Le mascherine sono inutili, non le imporremo
Svezia Le mascherine sono inutili non le imporremo

L’alto funzionario medico svedese ha sostenuto che i dati sull’efficacia di indossare la mascherina durante la pandemia di Covid-19 sono finora inconcludenti. L’accademia delle scienze del paese, nel frattempo, afferma che è vero il contrario.

“L’uso delle mascherine è una questione controversa. Lo stato delle conoscenze al riguardo è incerto” , ha detto ai giornalisti Karin Tegmark Wisell, che dirige il dipartimento di microbiologia presso l’Agenzia statale per la sanità pubblica svedese.

“In Svezia, miriamo a utilizzare il distanziamento sociale come strumento numero uno. Non vediamo che siamo ad un punto in cui potremmo raccomandare l’uso di mascherine sui trasporti pubblici “.

“Le mascherine non dovrebbero essere usate come scusa per non mantenere le distanze”, ha detto Wisell. Ha ribadito che c’erano “opinioni divise” su quando indossare la mascherina e se fosse davvero efficace, aggiungendo che il governo continuerà a monitorare “attivamente” i dati nuovi e rilevanti.

Svezia Le mascherine sono inutili non le imporremo

Allo stesso tempo, il funzionario ha ammesso che la situazione era “molto grave”, poiché il governo stava vedendo le “conseguenze” del recente aumento dei casi per il sistema sanitario.

Il tono di Wisell sulle mascherine è in contrasto con le raccomandazioni dell’Accademia reale svedese delle scienze, anch’esse pubblicate giovedì. L’istituzione, che assegna i premi Nobel per la fisica, la chimica e l’economia, ha affermato che le mascherine rimangono un metodo importante per ridurre la diffusione del virus all’interno e sui trasporti pubblici.

“Oggi, ci sono nuove prove sperimentali ed epidemiologiche che le mascherine riducono il rischio di trasmissione per via aerea, e nessuna che potrebbe avere l’effetto opposto”, ha detto il microbiologo Staffan Normark, capo del gruppo di esperti Covid-19 dell’accademia.

“Naturalmente, è altrettanto importante seguire le raccomandazioni formulate dall’Agenzia per la sanità pubblica svedese. Ma per ridurre rapidamente il tasso di infezione, dobbiamo utilizzare tutti gli strumenti, incluse mascherine e ventilazione”.

Durante le prime fasi della pandemia, la Svezia ha scelto un approccio completamente diverso dalla maggior parte delle nazioni europee. Stoccolma faceva molto affidamento sul distanziamento sociale volontario e sull’autoisolamento, al contrario di un rigoroso blocco nazionale e che imponeva a tutti di indossare mascherine. Il “modello svedese” ha attirato molta attenzione in tutto il mondo e ha acceso dibattiti in patria e all’estero.

La Svezia ha un tasso di mortalità pro capite Covid-19 più elevato rispetto ai suoi vicini nordici. Più di 6.300 persone sono morte nel paese a causa del coronavirus a partire da giovedì. All’inizio di novembre, il principale funzionario sanitario di Stoccolma, Bjorn Eriksson, ha dichiarato ai media locali che in una sola settimana si è registrato un aumento del 60% del numero di pazienti ricoverati con Covid-19.

La situazione ha spinto il primo ministro Stefan Lofven a vietare riunioni pubbliche di più di otto persone a partire dal 24 novembre. Ha anche consigliato alle persone di non partecipare alle feste e di astenersi dal visitare palestre e cinema.

Loading...
Potrebbero interessarti

Matrimoni gay, parla l’arcivescovo di Dublino

In Irlanda la Chiesa “deve fare i conti con la realtà” ha…

Foto misteriosa: Cosa riesci a vedere?

Molte persone sostengono che il responsabile Zen americano Steve Hagen, sia un…