Terzo polo, anche i ghiacciai in Cina si sciolgono

Redazione

I ghiacciai cinesi, soprannominati il ​​”Terzo Polo della Terra” stanno cominciando a sfaldarsi.

I ghiacciai non solo si stanno sciogliendo, ma si stanno anche sgretolando attorno al Terzo Polo. Nel 2016, due ghiacciai sono crollati uno dopo l’altro nelle montagne di Aru a ovest del Terzo Polo. Il primo crollo ha provocato nove vittime umane e la morte di centinaia di capi di bestiame.

Terzo polo anche i ghiacciai in Cina si sciolgono

Secondo uno studio recentemente pubblicato su The Cryosphere, l’acqua di fusione delle valanghe di ghiaccio sta riempiendo i laghi a valle, il che potrebbe causare la fusione di laghi precedentemente separati nel prossimo decennio, interrompendo gli ecosistemi della regione.

Il collasso degli Aru Glaciers ha impatti sia a breve che a lungo termine sui laghi a valle“, ha detto il dottor Lei Yanbin, autore principale dello studio e ricercatore presso l’Istituto per la ricerca sull’altopiano tibetano (ITP) presso l’Accademia cinese delle scienze.

Secondo il dottor Lei e il suo team, il crollo del primo ghiacciaio nel Lago Aru Ko a valle ha lasciato almeno 7,1 milioni di metri cubi di ghiaccio nel corso inferiore del Lago Aru Ko, che equivarrebbe a circa 2.840 piscine olimpioniche.

La valanga di ghiaccio ha abbassato la temperatura della superficie del lago di 2-4 gradi Celsius in due settimane e ha rimodellato il fondo costiero. Quando il ghiaccio della valanga ha iniziato a sciogliersi, ha aumentato il volume del lago Memar-Ko, un lago vicino, del 23%, che è salito di tre metri dal 2016 al 2019, il 30% più velocemente rispetto al 2003 al 2014.

Lei Yangbin e il suo team sono stati i primi scienziati ad arrivare sulla scena dopo il collasso del ghiacciaio, e da allora hanno lavorato per capire perché e come i ghiacciai sono crollati, e hanno anche cercato di capire l’impatto del crollo sui laghi a valle.

Il loro studio ha mostrato che i detriti della valanga di ghiaccio dal crollo del primo ghiacciaio si erano quasi sciolti nell’estate del 2017, ma il 30% del ghiaccio dal crollo del secondo ghiacciaio era ancora alla fine del 2019.

Se il lago Memar continua ad espandersi a questo ritmo, in 7-11 anni si fonderà con il lago Aru Ko“, ha detto Lei Yanbin.

Un tale scenario potrebbe alterare in modo significativo il paesaggio regionale e sconvolgere gli ecosistemi locali. Questo è il motivo per cui dobbiamo tenere d’occhio i due laghi in caso di tali cambiamenti“.

Next Post

Problemi a centrali elettriche in tutta Europa

Secondo quanto riportato dai media tedeschi, è scoppiato un incendio nella centrale Franken I di Norimberga. Al momento non è possibile valutare l’entità dell’incidente, ma le autorità hanno già avvertito di possibili problemi con le forniture elettriche. Franken I è una centrale elettrica molto vecchia (esisteva nel 1913), ma negli anni […]
Problemi a centrali elettriche in tutta Europa