Triangolo delle Bermuda, la teoria finale dopo anni di ricerche

Redazione

Il triangolo delle Bermuda ha affascinato i ricercatori di tutto il mondo per decenni, ma un autore ha affermato di essere ad un passo dalla comprensione dell’enigma dopo aver “messo insieme tutti gli indizi studiati per anni“.

Il Triangolo delle Bermuda , noto anche come Triangolo del diavolo, è una regione vagamente definita nell’Oceano Atlantico del Nord, dove un certo numero di aerei e navi sono scomparsi. La vicinanza di questo cosiddetto triangolo è tra le rotte di navigazione più trafficate al mondo, con navi che spesso lo attraversano per porti nelle Americhe, in Europa e nelle isole dei Caraibi. La cultura popolare ha attribuito varie sparizioni al paranormale o persino ad una sorta di colossale mostro marino, ma l’autore Richard Winer pensa che potrebbe esserci una risposta più ragionevole.

Il documentario di Amazon Prime “Inside the Bermuda Triangle” ha rivelato perché Winer ha iniziato ad esaminare il mistero.

Ecco la descrizione: “Nel 1964, il giornalista Vincent Gatos ha coniato la frase Triangolo delle Bermuda in un articolo per la rivista Argosy. La leggenda ha iniziato a diffondersi, la copertura mediatica del Triangolo delle Bermuda ha in gran parte raccontato storie di aerei e navi scomparsi, pochi hanno avanzato teorie per spiegare le misteriose sparizioni“.

Ma nel 1974, 10 anni dopo l’articolo di Argosy, un libro intitolato” Il triangolo delle Bermuda – un’incredibile saga di sparizioni inspiegabili “è stato pubblicato da Charles Berlitz“.

Berlitz è stato il primo a suggerire che sparizioni, come il volo 19, fossero state causate da misteriose anomalie energetiche. Più o meno nello stesso periodo, il regista Richard Winer ha prodotto un documentario sul fenomeno, in cui ha dato alla regione un nome più inquietante“.

Winer mette in discussione qualcosa di più del nome della regione, ma mette anche in dubbio la sua forma. Il suo documentario, che racconta i bizzarri disturbi della zona e le tragedie inspiegabili, è diventato un classico di culto“.

Winer ha affermato che l’area interessata per i casi registrati non era un triangolo.

Triangolo delle Bermuda, solo teorie la verità sono errori umani? (foto@Wikipedia)

Dice: “Beh, mi piace di più il nome Triangolo del Diavolo, perché il Triangolo delle Bermuda suona troppo come una luna di miele. Il Triangolo delle Bermuda è un’area che si dice sia un triangolo ma non è realmente un triangolo è più un trapezio“.

Un trapezio è un rettangolo senza due lati o due angoli uguali.

Winer ha spiegato come questo lo abbia motivato a creare un film su questo mistero e cercare di scoprire di più.

Ha aggiunto: “Avevo messo tutto insieme, poi ho iniziato a ricercare le persone coinvolte, testimoni oculari di prima mano. Nel modo in cui hanno raccontato la storia, questa gente l’ha vissuta e hanno iniziato a raccontare di navi che salpavano, velivoli che volavano tra le nuvole per non tornare mai più e yacht che salpavano per non essere mai più ascoltati.

Winer ha affermato che nel Triangolo delle Bermuda c’era e c’è sempre stato qualcosa di “misterioso“, ma ha negato qualsiasi coinvolgimento paranormale. 

Ha affermato la teoria finale che “tutte le risposte risiedono in errori umani, malfunzionamenti meccanici, condizioni meteorologiche anomale o anomalie magnetiche“.

Next Post

Incredibile incrocio tra pipistrello e rana, ritrovato in Argentina

Il mese scorso sono apparsi su Internet video in cui alcuni residenti in Cina ed in Argentina, mostrano pipistrelli molto strani. Le creature sembravano essere il risultato di un incrocio tra ratto, rana e pipistrello. Secondo le conclusioni di alcuni esperti, gli animali possono effettivamente essere ibridi mutati che sono nati […]
Incredibile incrocio tra pipistrello e rana ritrovato in Argentina