Trovato nuovo antibiotico che agisce come un Trojan
Trovato nuovo antibiotico che agisce come un Trojan

Gli scienziati trovano hanno scovato l’antibiotico che agisce come un “trojan” del computer, efficace contro i batteri resistenti ai farmaci

Un nuovo antibiotico che agisce come un “cavallo di Troia” ovvero un “trojan” in gergo informatico, si è dimostrato efficace contro i batteri resistenti ai farmaci, lo hanno confermato un team di ricercatori.

Gli scienziati dicono che studi su 448 persone con infezioni renali o del tratto urinario hanno scoperto che il farmaco cefiderocolico ha eradicato i germi con la stessa efficacia dei trattamenti attuali.

Il farmaco inganna la biologia dei batteri legandosi al ferro per entrare nelle cellule lavorando molto come un cavallo di Troia che fu utilizzato per far intrufolare gli antichi greci nella città di Troia.

Gli esperti dicono che i risultati della ricerca evidenziano il potenziale del cefiderocol come una nuova opzione per il trattamento di batteri altamente resistenti.

Il leader della ricerca, il dott. Simon Portsmouth, di Shionogi Inc, ha dichiarato: “Cefiderocol è stato trovato sicuro e tollerabile in una popolazione di pazienti anziani che erano molto malati con condizioni complesse e una vasta gamma di agenti patogeni multiresistenti.

I nostri risultati supportano il cefiderocol come un nuovo approccio che potrebbe essere utilizzato per superare la resistenza Gram-negativa.”

Il farmaco, ha detto, trae vantaggio dal bisogno di ferro di sopravvivere del batterio che lo trasporta oltre le difese nelle cellule.

I risultati, pubblicati sulla rivista The Lancet Infectious Diseases, sono tra la crescente minaccia della resistenza umana agli antibiotici, che è stata etichettata come una delle minacce più urgenti per la salute pubblica da parte dei professionisti medici.

All’inizio di questa settimana, un nuovo rapporto dettagliato ha confermato che le infezioni del flusso sanguigno causate da insetti resistenti a uno o più antibiotici chiave erano aumentate del 35% in soli quattro anni.

Public Health England (PHE) ha calcolato che se gli antibiotici diventassero inefficaci, tre milioni di operazioni e trattamenti contro il cancro diventerebbero potenzialmente letali.

Le prove sono attualmente in corso per studiare l’efficacia del cefiderocol contro la polmonite e le infezioni resistenti ad alcuni dei più potenti farmaci, i carbapenemi.

Eleonora Gitto

Giornalista professionista, content writer freelance, presidente presso Comunicazioni e Territori Scarl, consulente Consiglio Regionale Campania, vanta numerose collaborazioni presso testate giornalistiche, si occupa del settore sanitario e politico italiano.

Potrebbero interessarti

Vaccini: No vaccinazioni? No scuola d’infanzia

Se non si fanno i vaccini, la scuola d’infanzia è vietata nonostante…

Pesce, mangiare quello grasso può aiutare a prevenire l’infarto

Anche se non a tutti piace, soprattutto ai più piccoli, in realtà…

Vaccinazioni sicure anche per i bambini a rischio

I vaccini sono sicuri e non provocano problemi neppure nei bambini con…

Sanità, curarsi ormai è prerogativa dei ricchi

Se è vero che col denaro non si può comprare la vita…