Trump a Gentiloni sulla Nato: “Devi pagare di più. E lui pagherà”

Eleonora Gitto

Donald Trump al nostro Premier Paolo Gentiloni sulla Nato dice: “Devi pagare di più. E lui pagherà”.

Che simpatico, Donald Trump. In un’intervista recente sui primi cento giorni del suo mandato, dice di Gentiloni: “Stavamo scherzando e io gli ho detto. Devi pagare, devi pagare. E lui pagherà”. Questo è Donald Trump, che secondo noi non scherzava, invece. E non scherza.

Il Premier Paolo Gentiloni dal canto suo, in un impeto di incontrollabile democristianità pura, aveva detto prima di andare negli Usa: “L’alleanza con gli Usa è un dovere”.

Ora, a parte il fatto che nessuna alleanza, nemmeno quella santa, è un dovere, ma è dettata dalle opportunità e dalle contingenze politiche e storiche, andare con la coda fra le gambe già scoprendo tutte le carte, al cospetto del Presidente Usa, porta come conseguenza richieste di questo genere.

E non è escluso che Gentiloni gli abbia fatto capire pure che pagherà. Anzi, pagheremo.

Questa cosa non è bella perché, vada come vada, gli Usa si possono permettere di aumentare e dismisura le spese per gli armamenti; l’Europa, e segnatamente l’Italia, invece no. Ma non è solo una questione di soldi.

L’obbligatorietà di una alleanza con un Presidente Usa che vuole cancellare il welfare sanitario e ha ricominciato a far sentire il fiato bellico americano in mezzo mondo, Siria e Nord Corea compresi, è spiazzante. Non sembra che né la Merkel né la leader inglese May si siano spinte così in avanti.

“Gentiloni finirà col pagare. Sai, finora nessuno glielo aveva chiesto. La mia è una presidenza diversa”.

Ma Donald Trump il magnate, che conosce bene il mondo, la finanza, gli Usa e così via, non conosce ancora sufficientemente bene la politica italiana e quella democristianità di cui parlavamo prima.

A fianco del dovere di allearsi non vi sarà altrettanta convinzione nel raccogliere l’avviso-imposizione di Donald.

Prima di tutto perché sotto il profilo strettamente politico non sarà facile far passare un aumento delle spese per la Nato in Parlamento; secondariamente perché i soldi proprio non ci sono. Si scatenerebbe un putiferio inenarrabile.

Gentiloni parla di impegno già preso per portare progressivamente al 2% le spese della Nato.

Sarebbe bello capire con chi e con quali modalità è stato preso quest’impegno, e magari farsi dire pure cosa si intende per quel progressivamente. In comode rate annuali?

Tutta la questione francamente ci sembra men che chiara. E comunque l’aumento delle spese militari, sia pure per la Nato, non ci piace. Meglio un esercito e una polizia europei. Molto meglio.

Next Post

Il Segreto, anticipazioni mercoledì 26 aprile

Dopo che abbiamo visto che ieri Il Segreto non è andato in onda, per lasciar spazio a un palinsesto festivo in occasione della Festa della Liberazione, vediamo quali sorprese ci riserverà oggi la soap opera spagnola più amata dagli italiani. Nella puntata di oggi, mercoledì 26 aprile, vediamo che Rosario […]