Una nuova foto dimostrerebbe il falso sbarco sulla Luna

Redazione

Nuove teorie all’orizzonte ripropongono nuovamente il famoso sbarco sulla Luna da parte della missione Apollo 11, come un possibile falso.

Una nuova foto dimostrerebbe il falso sbarco sulla Luna
foto@YouTube/Streetcap1

I “famosi” teorici della cospirazione che credono che gli sbarchi sulla luna siano dei falsi, ritengono che una fotografia possa chiarire tutto questo.

Tra il 20 luglio 1969 e il 14 dicembre 1972 sei missioni della NASA sbarcarono un totale di 12 uomini sulla luna, iniziando con Neil Armstrong e Buzz Aldrin sull’Apollo 11 e finendo con Gene Cernan, Jack Schmitt e Ronald Evans sull’Apollo 17, come riporta il Daily Star.

Ma i teorici del falso sbarco, sostengono che la NASA abbia simulato gli atterraggi nel disperato tentativo di vincere la corsa allo spazio, nel contesto della Guerra Fredda, mettendo in scena atterraggi e registrando filmati sulla Terra.

Ora la nuova teoria è che un’immagine dell’atterraggio dell’Apollo 17 del 1972 evidenzi la loro teoria.

In un video intitolato “Reflection in a Visor. Dov’è il riflesso della fotocamera che scatta la foto?“, Lo YouTuber Streetcap1 afferma che si può vedere un “macchinista” che non indossa una tuta spaziale.

La voce fuori campo che spiega la teoria dice: “Puoi vedere una specie di, sembra un uomo, tipico dei primi anni ’70, capelli lunghi, con indosso una specie di gilet… e un’ombra di quella figura, presumibilmente“.

Dov’è la tuta spaziale di questo tizio?“, afferma lo youtuber.

I commenti non si sono fatti attendere e secondo la maggior parte degli utenti, quello che si vede nel riflesso del casco è un’astronauta con tanto di tuta.

Il primo commento dice: “Certo che mi sembra un astronauta. L’ombra mostra anche lo zaino“.

Per me sembra chiaramente un altro astronauta con la tuta spaziale bianca e voluminosa. Puoi vedere che ha entrambe le braccia leggermente tese in avanti e l’ombra mostra l’ingombro della tuta spaziale, incluso il supporto sulla schiena“, ha commentato un altro.

Next Post

In Russia vietato vendere libri LGBTQ

L’autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni russa chiede il ritiro di tutti i libri con contenuti di “propaganda” sulla comunità LGBTI. “Sono un pericolo per i minori e per l’intera società”, queste le motivazioni del divieto. L’autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni russa (Roskomnadzor) ha chiesto all’Unione russa degli editori-librai di ritirare […]
In Russia vietato vendere libri LGBTQ