Unicredit: tagli al personale, in Italia esclusi 6.900 dipendenti

Redazione

Unicredit ha deciso di compiere una nuova manovra basata principalmente sulla riduzione della forza lavoro:

solo in Italia ben 6.900 posti di lavoro saranno tagliati mentre ottocento filiali saranno chiuse in tutta Europa;

inoltre la banca comunica che verrà venduta la controllata in Ucraina e la società paritetica con il Santander e i fondi sulla controllata del risparmio gestito Pioneer, sempre per escludere dall’azienda seimila dipendenti.

Una manovra che era già iniziata tempo fa, difatti fino a settembre 928 sportelli erano già stati chiusi con un notevole risparmio nelle spese:

le iniziative porteranno a un contenimento dei costi stimato attorno a 1,6 miliardi di euro.

Federico Ghizzoni, amministratore delegato della banca, ha dichiarato in merito al piano di riduzione di sportelli e personale:

“Il piano prevede per il 2018 importanti obiettivi in termini di redditività e coefficienti patrimoniali, confermando la capacità del gruppo di generare capitale in modo organico e distribuire dividendi.

E’ un piano rigoroso e serio e al tempo stesso ambizioso.

Ma è soprattutto realistico, perchè si basa su azioni che dipendono dalle nostre scelte manageriali, ed è un piano totalmente autofinanziato”.

Next Post

“Grillo vs Grillo”, al teatro le due personalità del leader del M5S

Beppe Grillo, leader del Movimento Cinque Stelle ma anche attore, torna dopo una lunga pausa sul suo amato palcoscenico: pronto un nuovo show, il cui tema è l’alternanza delle due personalità di Grillo, quella dell’ uomo di politico e quella del comico; il titolo dello spettacolo è proprio “Grillo vs Grillo”, […]
Grillo vs Grillo al teatro