Viviamo all’interno di un buco nero, esiste anche un altro universo

Redazione

Stiamo vivendo all’interno di un buco nero che è presente in uno dei tanti universi esistenti.

Viviamo interno di un buco nero esiste anche un altro universo
foto@depositphotos.com

In questo momento, afferma il principale fisico teorico Nikodem Popławski, stiamo vivendo all’interno di un buco nero che esiste in un altro universo, e i buchi neri che rileviamo potrebbero a loro volta essere i semi di nuovi universi.

Il fisico teorico polacco Nikodem Popławski pensa che questi due fenomeni scientifici potrebbero essere collegati.

Nikodem teorizza che ogni buco nero contenga un universo nuovo.

Lo scienziato è stato intervistato dal Daily Star ed ha spiegato che il nostro intero universo potrebbe esistere all’interno di un buco nero che a sua volta fa parte di un altro universo.

Ora si pensa che i buchi neri varino in dimensioni da minuscoli, forse anche di dimensioni microscopiche, a mostri supermassicci nel cuore delle galassie.

Il buco nero nel cuore della galassia M87 è largo 24 miliardi di miglia, per esempio, anche se si pensa che la sua massa sia circa sei miliardi e mezzo di volte quella del Sole.

Ma che siano grandi o piccoli, ognuno di loro potrebbe avere un intero Universo nascosto all’interno, spiega lo scienziato.

Un universo bambino è… un ramo spazio-temporale separato e chiuso con una propria linea temporale. È più grande del buco nero genitore perché è l’altro lato dell’orizzonte degli eventi”.

Mentre l’esistenza dei buchi neri è stata suggerita per la prima volta nel 1783 dal filosofo e matematico inglese John Michell, il concetto è diventato davvero parte della fisica tradizionale solo dopo che Einstein ha pubblicato la sua teoria della relatività generale all’inizio del XX secolo.

Da allora, i fisici hanno costantemente perfezionato i loro modelli di come potrebbe apparire un oggetto così esotico e di come potrebbe comportarsi.

Seguendo la teoria [di Einstein-Cartan] della gravità, ogni buco nero produce un nuovo universo bambino all’interno e diventa un ponte Einstein-Rosen (wormhole) che collega questo universo all’universo genitore in cui esiste il buco nero“, spiega lo scienziato.

Mentre nella fantascienza gli universi alternativi sono luoghi fanatici, spesso con leggi della fisica estremamente variabili, Nikodem pensa che una forza fisica chiamata “torsione” tenderebbe a portare le leggi della fisica dall’universo genitore fino alla realtà del nuovo bambino.

Non ci sono molte possibilità che qualcuno riesca mai a visitare un universo alternativo.

Un ponte Einstein-Rosen verso un nuovo universo non sarebbe attraversabile“, dice, “perché un wormhole attraversabile è definito come un wormhole che collega due parti dello stesso universo e attraverso il quale si può viaggiare in entrambe le direzioni“.

Ma ciò non significa che i buchi neri non possano aiutarci ad esplorare i confini dello spazio.

Il buco nero conosciuto più vicino alla Terra, almeno finora, è a soli 1500 anni luce da noi. Chiamato Gaia BH1, si stima che sia circa 10 volte la massa del nostro sole.

Next Post

Pub organizza Miss Maglietta bagnata il giorno della morte della regina

Un pub australiano è stato criticato aspramente dopo aver annunciato l’intenzione di ospitare la competizione di Miss maglietta bagnata nel giorno dedicato al lutto della regina Elisabetta II. Il Roebuck Bay Hotel, un locale dell’Australia occidentale nella città di Broome, ha annunciato che avrebbe organizzato l’evento di miss maglietta bagnata […]
Pub organizza Miss Maglietta bagnata il giorno della morte della regina