Voucher, per il Pd vanno aboliti completamente

Eleonora Gitto

Per buona parte del Pd i voucher vanno aboliti completamente.

I riflessi precongressuali del Partito Democratico si fanno sentire in giro in maniera forte.

E così i vari posizionamenti degli schieramenti. Nasce in questo modo una linea filo Cgil sulla questione voucher, che ne invoca l’abolizione totale.

E questo è un segnale significativo anche per lo stesso Renzi, che aveva fatto dei voucher uno dei punti qualificanti della riforma sul lavoro.

Ma non è solo questo: il tutto è fatto per scongiurare un nuovo referendum, che potrebbe risultare letale non solo per il Partito Democratico, ma anche per il Governo.

Tuttavia il segnale di uno spostamento a sinistra di una parte del Pd, Renzi non più imperante, è abbastanza netto.

Al massimo l’uso dei voucher potrebbe essere riservato solo alle famiglie.

La Camusso Gongola, perché sa che tiene stretto il Pd per i genitali.

E’ ormai chiaro che qualsiasi referendum si proponga, la gente voterebbe contro il sistema, e quindi in primis contro il Governo.

Insomma, una molto poco onorevole marcia indietro del Partito Democratico.

C’è una paura, un sacro terrore del referendum, per cui faranno i salti mortali per assumere una linea la più possibile vicina a quella della Cgil.

Anzi, diciamocelo chiaramente, la legge sull’abolizione dei voucher la farà la Cgil.

Next Post

Pistoia capitale della cultura 2017: Gentiloni e Franceschini a zonzo per la città

Gentiloni e Franceschini a zonzo per Pistoia, capitale della cultura 2017 Forse è vero che l’Italia rinascerà dalla cultura. Un neorinascimento, un modo nuovo di pensarla e interagire con essa. Non in maniera ferma, statica, stantia, ma in maniera attiva e dinamica. In fondo cultura è anche azione e Pistoia, […]
Pistoia capitale della cultura 2017: Gentiloni e Franceschini a zonzo per la città