WhatsApp invia metadati alle autorità

Redazione

Il servizio di messaggistica WhatsApp trasmette all’FBI, su richiesta del dipartimento, i metadati sulle azioni dell’account con un ritardo di 15 minuti, secondo un documento pubblicato dall’organizzazione Property of the People.

Gli agenti dell’intelligence ricevono informazioni sui messaggi degli utenti iPhone tramite WhatsApp, se l’archivio di messaggistica viene salvato su iCloud.

Inoltre, con una decisione del tribunale o in presenza di un mandato di perquisizione, le forze dell’ordine hanno il diritto di ricevere un elenco di utenti WhatsApp bloccati della persona di interesse.

Possono anche ottenere dati sui suoi contatti e quelli con cui è registrato nella rubrica.

WhatsApp invia metadati alle autorita

Secondo Rolling Stone, un portavoce di WhatsApp ha confermato l’accuratezza di queste informazioni nel documento. Allo stesso tempo, ha assicurato che il contenuto della corrispondenza non viene trasferito ai servizi speciali.

Inoltre, dal documento si evince che Signal messenger trasmette i dati sulla data, l’ora di registrazione dell’utente e le informazioni sull’ultimo accesso al servizio.

Telegram fornisce l’accesso a tali dati solo quando indaga su casi di terrorismo. I servizi speciali ricevono dal servizio solo l’indirizzo IP e il numero di telefono dell’indagato.

Oltre a questi messenger, su richiesta di servizi speciali, le informazioni vengono trasmesse anche da iMessage, Viber, WeChat e alcuni altri servizi.

fonte@Esoreiter

Next Post

Couperose e pelle delicata – Cos’è e come trattarla

La couperose è un inestetismo della pelle legata a specifiche problematiche fisiche e/o cattive abitudini, come ad esempio la stipsi cronica, la carenza di vitamina C e PP e disfunzioni ormonali. Altro fattore scatenante potrebbe essere l’abuso di alcool. Di seguito verranno riportati dei consigli utili da seguire per cercare […]
Couperose e pelle delicata Cose e come trattarla