La variante Omicron è un anagramma e si scatenano le teorie

Redazione

Le teorie dei complottisti non si fermano mai, questa volta arrivano direttamente dal Regno Unito, come rivela il famoso portale DailyStar.

I teorici della cospirazione hanno identificato nella nuova variante del coronavirus, che prende il nome di “Omicron” un anagramma legato alla frase “No Crimbo”.

Il nuovo ceppo è apparso per la prima volta in Botswana, nell’Africa meridionale, ed è stato confermato come nuova variante martedì 23 novembre.

I paesi di tutto il mondo hanno agito rapidamente per imporre divieti di viaggio in molte località dell’Africa meridionale, con il governo del Regno Unito che ha anche reintrodotto una serie di misure per affrontare Omicron.

Non è ancora chiaro se la nuova variante sia più pericolosa della variante Delta dominante, ma si teme che possa essere più trasmissibile rispetto alle versioni precedenti.

La variante Omicron un anagramma e si scatenano le teorie

Ma ora sono emerse nuove cospirazioni che circondano la variante e i teorici si stanno scatenando in rete.

Con questa singolare “scoperta“, i teorici della cospirazione hanno rivelato che Omicron è in realtà un anagramma per “No Crimbo”.

Si dice che la ‘b’ provenga da B.1.1.529, il nome che gli scienziati hanno dato per la prima volta alla variante. Alla fine Omicron sarebbe un anagramma di ‘idiota‘.

La denominazione è entrata in vigore a maggio, oltre sei mesi prima che venisse scoperta la variante Omicron, in modo da evitare future confusioni.

Ora ci sono sette “varianti di interesse“, a ciascuna delle quali è stata assegnata la propria lettera greca.

Lettere come Xi sono state saltate perché condivide il nome con il premier cinese Xi Jinping.

È difficile negare che Omicron sia più facile da ricordare rispetto a B.1.1.529, ma ciò non ha impedito ai teorici della cospirazione di incorporare la “B” nell’anagramma per scrivere “no crimbo”.

Il problema è che la variante non si chiama Omicron B e hanno messo insieme due nomi diversi per la stessa cosa nel tentativo di sostenere la loro teoria.

Next Post

WhatsApp invia metadati alle autorità

Il servizio di messaggistica WhatsApp trasmette all’FBI, su richiesta del dipartimento, i metadati sulle azioni dell’account con un ritardo di 15 minuti, secondo un documento pubblicato dall’organizzazione Property of the People. Gli agenti dell’intelligence ricevono informazioni sui messaggi degli utenti iPhone tramite WhatsApp, se l’archivio di messaggistica viene salvato su […]
WhatsApp invia metadati alle autorita