50 percento delle persone è già contagiata, studio shock in UK
50 percento delle persone gia contagiata studio shock in UK

Uno studio arrivato da Oxford rivela che il 50% della popolazione del Regno Unito potrebbe già essere infetto.

Un recente studio dell’Università di Oxford, condotto sulla popolazione britannica, ha sollevato dubbi in ambito internazionale poiché l’iter dei contagi è ovviamente identico dappertutto.

Lo studio ha rivelato che il coronavirus potrebbe aver infettato già metà della popolazione del Regno Unito, il virus starebbe infatti circolando già dalla metà di gennaio.

Il coronavirus avrebbe potuto avere abbastanza tempo per diffondersi ampiamente, Sunetra Gupta, un professore di epidemiologia teorica che ha guidato lo studio, ha affermato che sono necessari test per valutare la controversa teoria.

Ha detto: “Dobbiamo iniziare immediatamente indagini sierologiche su larga scala – test sugli anticorpi – per valutare in quale fase dell’epidemia ci troviamo ora“, ha detto.

La storia pubblicata sul Financial Times è rapidamente ricircolata dal Regno Unito a tutt’Europa, sono in molti infatti a chiedersi se è solo questione di numero di “tamponi” per il rilevamento del virus, ma se in realtà già metà della popolazione potrebbe essere contagiata.

Tuttavia, altri esperti della comunità scientifica ritengono che la pubblicazione dello studio sia stata prematura.

Studio dell’Università di Oxford definito ancora prematuro e non attendibile.

Lo studio di Oxford non è ancora stato pubblicato in una rivista scientifica o ancora esaminato da altri scienziati.

Inoltre, lo studio offre solo una serie di situazioni ipotetiche non supportate dai dati del mondo reale sulla possibile estensione della trasmissione del coronavirus nel Regno Unito.

Il dott. Tim Colbourn, un epidemiologo presso l’Istituto per la salute globale dell’University College di Londra, ha dichiarato: “È un po ‘preoccupante che lo abbiano condiviso direttamente con i media. Non è stato correttamente verificato il senso di alcun dato.

Lo studio, condotto dal professor Sunetra Gupta e dal dott. José Lourenço presso il Dipartimento di Zoologia dell’Università di Oxford, suggerisce diversi scenari ipotetici sulla diffusione del coronavirus nel Regno Unito.

Scenari estremi stimati secondo cui il coronavirus aveva iniziato a essere trasmesso 38 giorni prima della prima morte confermata, quindi il 68% della popolazione del Regno Unito sarebbe stata infettata entro il 19 marzo.

Ma questo modello si basa sull’improbabile ipotesi che solo 1.000 persone infettate da coronavirus necessitano di ricovero in ospedale.

Questa ipotesi non rispecchia i dati del mondo reale, afferma il dott. Colbourn.

Ha detto: “Possiamo già vedere solo guardando l’Italia che la cifra è già stata superata”. In Lombardia, nonostante la regione sia chiusa dal 9 marzo – più di una persona su 1.000 dell’intera popolazione è già stata ricoverata a causa del coronavirus.

E secondo i dati più recenti, il tasso di mortalità è attualmente di circa 0,42 per 1.000 persone.

James Naismith, direttore del Rosalind Franklin Institute, ha dichiarato in una dichiarazione: “Questa simulazione teorica si basa su un presupposto chiave che può essere o non essere corretto”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Bill O’Reilly, Fox News lo ha licenziato in tronco

Senza dubbio un personaggio di punta della televisione americana, ma con certe…

Nel sottosuolo di Gerusalemme si nasconde l’arca dell’alleanza

L’arca dell’alleanza scomparsa oltre 2000 anni fa, potrebbe essere sepolta nel sottosuolo…