Addio a John Avildsen, regista di ‘Rocky’ e ‘Karate Kid’

Purtroppo, nel mondo del cinema, siamo costretti a dire addio a un altro importantissimo protagonista: si è spento a 81 anni il regista premio Oscar John G. Avildsen.

Avildsen, secondo quanto comunicato dal figlio Anthony, è morto ieri al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, a seguito di un cancro al pancreas.

Tra gli altri, il regista aveva diretto i film ‘Rocky’ e la serie ‘Karate Kid’.

Già nel 1970 era già arrivato molto in alto: il suo film Joe fu uno dei film più apprezzati dell’anno; la sceneggiatura di Norman Wexler ricevette una nomination agli Oscar, mentre nel 1973 un suo altro film, Salvate la tigre, ebbe un buon successo e fece vincere a Jack Lemmon il suo secondo Oscar.

Ma fu nel 1976 che vinse la più ambita statuetta del cinema grazie alla celeberrima pellicola che aveva dato il via alla saga del pugile italoamericano, Rocky Balboa. Interpretato da Sylvester Stallone, il boxeur di Philadelphia è diventato sicuramente uno dei personaggi più noti della storia del cinema americano.

Nel 1981 diresse I vicini di casa, una commedia discreta ma con John Belushi, e quindi per forza di cose uno di quei film che ci si ricorda: fu anche l’ultimo film di John Belushi, che morì l’anno dopo.

Nel 1984 Avildsen  girò Karate Kid, raccontando la storia di un altro “underdog”, un ragazzo del New Jersey che si trasferisce in California e impara a difendersi dai bulli con il karate grazie agli insegnamenti di uno dei mentori più famosi della storia del cinema.

Ad Avildsen fu persino proposto di dirigere “La febbre del sabato sera”, ma rifiutò per disaccordi con la produzione su alcune modifiche del copione.

Avildsen raggiunse il massimo della notorietà negli anni Ottanta, ma ormai non faceva più un film dal 1999, quando diresse Inferno con Jean-Claude Van Damme, mentre un documentario sulla sua carriera, diretto e prodotto da Derek Wayne Johnson, dovrebbe uscire quest’anno.

Avildsen ha avuto due figli: il primo, Ash (1981), ha fondato la Sumerian Records. Il secondo figlio del regista è apparso in Karate Kid III – La sfida finale(1989) e Rocky V (1990).

 

Next Post

Bill Cosby, annullato il processo per violenza sessuale

Data l’età avanzata, molto probabilmente non vedrà mai una cella, ma a quanto pare non sarà neppure mai condannato: il celebre attore Bill Cosby, proprio a causa della sua notorietà, continua a dividere il pubblico ed anche la giuria, che proprio non è riuscita a decidersi. E così alla fine […]