Alphabet, Google si trasforma per “fare la cosa giusta”

Alphabet, la nuova società che sostituirà in borsa il colosso di Mountain View, agirà all’insegna del “Do the right thing”: Google si trasforma per “fare la cosa giusta”.

Finalmente la grande trasformazione già annunciata mesi fa, alla fine, c’è stata: Google in Borsa è stata sostituita da Alphabet.

Dal 5 ottobre le azioni Alphabet e potranno già essere scambiate al Nasdaq con i simboli tradizionali GOOG e GOOGL.

A guidare la nuova società è Larry Page, il CFO invece è Ruth Porat, nomi già noti per i ruoli di responsabilità che hanno avuto nella società Google Inc.

Il primo segnale positivo del cambiamento epocale è stato una crescita delle azioni pari al 2%.

Altra novità, non trascurabile, è che con Alphabet cambia anche il motto aziendale che passa da “Don’t be evil”, ossia “Non essere malvagio”, a “Do the right thing”.

In pratica il nuovo codice di condotta dell’azienda rimarca l’intento di “fare la cosa giusta, seguire la legge, agire con onore e trattare gli altri con rispetto”.

Il vecchio motto manifestava le intenzioni della Big G di mantenere un comportamento leale restando sempre, e comunque, dalla parte dei “buoni” ossia degli utenti.

Il nuovo codice invece esprime la necessità di rispettare le norme sulla concorrenza evitando qualsiasi conflitto.

Va da sè che questo codice vale per tutte le società che fanno capo ad Alphabet, le quali con la nuova riorganizzazione possono prendersi decisioni autonome assumendosi tutte le responsabilità.

Tutto questo per lasciare a Google più libertà, e più tempo, per occuparsi solo dei progetti innovativi che possano far rimanere Google il leader indiscusso dei motori di ricerca e non solo.

One thought on “Alphabet, Google si trasforma per “fare la cosa giusta”

Comments are closed.

Next Post

Tutti contrari al pagare il Canone Rai in bolletta

Solo qualche ora fa il Premier Matteo Renzi aveva annunciato, quasi come una vittoria personale, che presto il Canone Rai sarà inserito mensilmente nella bolletta della luce, ma di certo non è una vittoria per i tanti che nell’immediato ci hanno tenuto a gridare allo scandalo. “Renzi torna all’attacco con […]