Antivirale aiuta a sconfiggere prima il Covid-19

Redazione

L’interferone-lambda attiva le cellule per uccidere il virus invasore; è il primo farmaco con efficacia nei casi lievi e moderati di covid-19.

Sebbene i vaccini contro il nuovo coronavirus stanno cercando di raggiungere l’intera popolazione mondiale, sono in corso ricerche per ridurre gli effetti e l’ulteriore diffusione della SARS-CoV-2.

Antivirale aiuta a sconfiggere prima il Covid-19
foto@Wikimedia

L’University Health Network di Toronto, Canada, ha condotto un’indagine sugli effetti dell’antivirale peginterferone-lambda, originariamente sviluppato per il trattamento dell’epatite virale, nelle persone infette da covid-19. La conclusione è stata che il farmaco accelera il recupero dei pazienti ambulatoriali e, di conseguenza, aiuta ad arginare la diffusione della malattia.

In un’intervista al sito web dell’università canadese, Jordan Feld, specialista del fegato e coordinatore della ricerca, si è detto ottimista sui risultati. “Questo trattamento ha un grande potenziale terapeutico, soprattutto in questo momento, con la comparsa di varianti aggressive del virus che si diffondono in tutto il mondo. E sono meno sensibili ai vaccini e al trattamento degli anticorpi“.

Lo studio clinico è in fase due ed è stato condotto su 60 persone con diagnosi di coronavirus. Di questi, 30 hanno ricevuto l’antivirale e gli altri 30 hanno ricevuto un placebo, un farmaco senza effetto.

I pazienti che hanno ricevuto una singola iniezione dell’antivirale avevano una probabilità quattro volte maggiore di curare l’infezione in sette giorni rispetto al gruppo trattato con placebo.

Tra i partecipanti con un’elevata carica virale, il 79% dei pazienti che hanno ricevuto il farmaco si è ripreso più velocemente da covid. Nel frattempo, solo il 39% di coloro che assumevano il placebo sono guariti contemporaneamente.

Se riusciamo a ridurre rapidamente il livello del virus, le persone hanno meno probabilità di diffondere l’infezione ad altri e potremmo persino essere in grado di ridurre il tempo necessario per l’isolamento“, ha celebrato Jordan Feld.

L’interferone Lambon è una proteina prodotta dall’organismo in risposta alle infezioni virali. Ha la capacità di attivare le cellule per uccidere i virus invasori. Il SARS-CoV-2 impedisce al corpo di produrre interferoni e il trattamento con l’antivirale di ricerca attiva le stesse vie di eliminazione del virus nelle cellule.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Lancet Respiratory Medicine, la pubblicazione scientifica leader nel mondo, e questo è il primo farmaco che ha una comprovata efficacia nei pazienti covid-19 lievi e moderati.

Next Post

Insonnia: I migliori consigli per combatterla

L’insonnia è il disturbo più comune tra tutti i disturbi del sonno, alcuni sintomi dell’insonnia sono ritardo nell’addormentarsi, difficoltà a dormire, non sentirsi riposati dopo aver dormito, avere un’eccessiva sonnolenza durante il giorno, difficoltà a mantenere l’attenzione, concentrazione e memoria, alterazione dell’umore e riduzione delle motivazioni. Questo problema ha diverse […]
Insonnia I migliori consigli per combatterla