Astronomi confermano un sistema di stelle sestuplo

Redazione

I sistemi a stella doppia e persino tripla hanno affascinato per molto tempo gli astronomi; sono anche noti pianeti che si trovano sotto due o tre soli. Tuttavia, i sistemi che includono sei stelle contemporaneamente rimangono molto rari. Fino a poco tempo, erano conosciuti solo 17 di questi oggetti e il TIC 168789840 è diventato il 18°. Lo riporta un nuovo articolo di astronomi americani, accettato per la pubblicazione su The Astronomical Journal.

Astronomi confermano un sistema di stelle sestuplo

TIC 168789840 si trova nella costellazione dell’Eridani, a 1428 anni luce di distanza. Comprende coppie di stelle legate gravitazionalmente, due delle quali (A e C) formano il “nucleo” del sistema, e la terza (B) ruota attorno ad esse in un’orbita distante. Le stelle del sistema binario A girano l’una intorno all’altra in 1,6 giorni, il sistema C – in 1,3 giorni e B – in 8.2. A loro volta, i sistemi A e C stessi ruotano l’uno intorno all’altro in circa quattro anni terrestri e il sistema B li aggira – in 2000 anni.

L’astrofisico della NASA Brian Powell e colleghi hanno scoperto TIC 168789840 con il telescopio spaziale TESS, notando che una tale struttura assomiglia alla già nota stella multipla con sei componenti: Castor (α Gemini). Tuttavia, le tre coppie di TIC 168789840 sono ancora più simili tra loro: includono tutte una stella più grande con un raggio di 1,4-1,7 raggio solare e una massa di 1,2-1,3 raggio solare, nonché la sua piccola compagna con una massa di 0,5 -0,7 solare e raggio 0,5-0,6 solare.

Le stelle binarie A e C sono troppo vicine l’una all’altra, creando forti anomalie gravitazionali che è impossibile immaginare che i pianeti potrebbero formarsi e sopravvivere vicino a loro. Tuttavia, gli scienziati suggeriscono che il sistema relativamente distante B potrebbe avere un pianeta. Gli autori intendono continuare a osservare TIC 168789840 e forse scoprire un mondo così strano e lontano.

Questo lavoro aiuterà a capire esattamente come si formano sistemi insoliti, comprese così tante stelle contemporaneamente. Si presume che possano apparire come stelle triple, formate insieme – in una comune “culla”. Tuttavia, inoltre, passando attraverso la nube di gas e polvere, ciascuno dei partecipanti al sistema ha acquisito un nuovo vicino, diventando un doppio. “È tutto fantastico“, afferma Brian Powell. “Vorrei avere un’astronave, parcheggiarla nelle vicinanze e vedere tutto con i miei occhi.

Next Post

Prevenire il coronavirus, non telefonare sui mezzi pubblici

L’ Accademia Nazionale di Medicina francese ha raccomandato agli utenti dei trasporti pubblici che, oltre a indossare mascherine, si astengano dal chiamare o parlare per evitare infezioni da coronavirus , e ha difeso l’efficacia delle maschere di stoffa nonostante il governo del presidente Emmanuel Macron ne abbia sconsigliato l’uso . “L’uso di una mascherina è obbligatorio […]
Prevenire il coronavirus non telefonare sui mezzi pubblic