Atlantide, confermata l’esatta posizione del continente misterioso?
Atlantide confermata esatta posizione del continente misterioso

La posizione di Atlantide individuata dopo la scoperta di una moneta di 2.400 anni collegata alla descrizione di Platone.

Il mistero di Atlantide potrebbe essere stato finalmente svelato da un autore e ricercatore dopo aver analizzato una scoperta di alcune monete di 2.400 anni che si diceva corrispondessero alla descrizione fornita da Platone.

L’isola mitica  fu descritta per la prima volta dallo scrittore greco nei suoi testi “Timeo” e “Critia“, che si dice avesse un potere navale tale da assediare “l’Atene antica”. Nella storia, Atene respinge l’attacco di Atlantide a differenza di qualsiasi altra nazione del mondo conosciuto, presumibilmente dando testimonianza della superiorità dell’antica Grecia. La leggenda si conclude con Atlantide che cade in disgrazia con le divinità e collassa in quello che si ritiene sia l’Oceano Atlantico.

Ma Christos Djonis, autore di “Atlantis Revealed“, ha una teoria alternativa ed è grazie a una moneta scoperta più di 20 anni fa.

Il ricercatore ritiene che la storia di Atlantide fosse una leggenda greca tramandata, come il Palazzo di Cnosso e la città di Troia – ma pensa anche che la sua ispirazione potrebbe essere stata presa dalle antiche Americhe.

Parlando in un video di YouTube sul canale Ancient Origins, ha dichiarato il mese scorso: “Molti studiosi e ricercatori mostrano anche che una traduzione corretta del testo di Platone colloca Atlantide nel Mediterraneo e non nell’Atlantico o in qualche altra località esotica“.

È concepibile accettare che gli antichi Greci, intorno al IV secolo a.C., conoscessero il continente americano attraverso l’Atlantico“.

Atlantide confermata esatta posizione del continente misterioso
Raffigurazione di Atlantide (Foto@Wikimedia)

Circa 20 anni fa, nel 1996, Mark McMenamin, professore di geologia, scoprì e interpretò una serie di segni enigmatici sul retro di una moneta d’oro cartaginese coniata nel 350 aC come un’antica mappa del mondo“.

Al centro di questa mappa del mondo, c’è una chiara rappresentazione del bacino del Mediterraneo, un’immagine alla sua destra è interpretata per rappresentare l’Asia, mentre l’immagine a sinistra è interpretata per rappresentare il continente americano“.

Il professor McMenamin ha anche scoperto che tutti gli esemplari noti di questo tipo di moneta formavano lo stesso tipo di mappa del mondo.

Djonis ha continuato a rivelare come ci siano ulteriori prove di questa teoria.

Ha aggiunto: “La cosa più interessante della scoperta è che questa particolare moneta è stata emessa nello stesso decennio quando Platone ha svelato la storia di Atlantide e ha rivelato che c’era un grande continente di fronte alle Colonne d’Ercole“.

La Piri Reis World Map, dal nome del suo creatore – un ammiraglio turco e rinomato cartografo – disegnata nel 1513, quasi due decenni dopo la scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo, raffigura la costa occidentale dell’Africa, dell’Europa e dell’intero americano continente sul sito atlantico“.

Secondo Piri Reis, tuttavia, la sua controversa mappa si basava su diverse carte, molte risalenti al IV secolo a.C.

Sebbene non si avvicini a un’immagine satellitare, raffigura comunque i continenti su entrambe le sponde dell’Atlantico, anche se mostra il Corno d’Africa che gira bruscamente verso est, quasi con un angolo di 90 gradi“.

Alcuni ipotizzano che il corpo orizzontale di quella terra potrebbe essere quello dell’Antartide, attizzando numerose polemiche, poiché non fu scoperto fino a 300 anni dopo.”

Se la mappa fosse presa in prestito da altre interpretazioni antiche, rafforzerebbe il suggerimento che Platone fosse a conoscenza del continente americano.

Ma Djonis afferma che ci sono ulteriori prove che gli antichi Greci fossero più consapevoli del mondo che li circonda di quanto si pensasse in precedenza.

Ha aggiunto: “Ulteriori indizi, tuttavia, non solo suggeriscono che gli antichi Greci sapessero del Nord America attraverso l’Atlantico, ma a quanto pare, avevano anche familiarità con la regione intorno al Circolo polare artico – in sostanza, il ponte rotto che collega il nord Europa al Nord America“. 

Hanno chiamato questa terra Hyperborea, una parola greca che significa ‘estremamente nord‘.

Sebbene indubbiamente gli scettici respingessero questo suggerimento, è interessante notare che i Greci credevano che Hyperborea fosse un territorio incontaminato così lontano dal nord della Grecia, dove il Sole non tramontava mai“.

Certo, l’unico posto a nord in cui il sole splende continuamente, almeno sei mesi su un anno, è la regione sopra il circolo polare artico, un territorio ovviamente non facilmente accessibile, specialmente durante i mesi invernali“. 

Per coincidenza, il poeta Pindaro scrisse che” né in nave né a piedi troveresti la meravigliosa strada per l’assemblea degli Iperboreani “, un’affermazione che conferma ulteriormente l’inaccessibilità di questa regione.

Djonis ha continuato spiegando come gli antichi greci erano famosi per aver raccontato storie di luoghi reali avvolti da elementi mitici.

Ha continuato: “Tale, tra gli altri, era il Palazzo di Cnosso, la città di Troia e il Monte Olimpo, che dire di Hyperborea? È possibile che i Greci siano riusciti a navigare così a nord, o forse quella conoscenza è stata loro trasmessa da altri, come forse i Minoici?

Se, secondo gli storici, i minoici dell’età del bronzo 4000 anni fa viaggiavano spesso fino alla Scozia e alle Isole Orcadi per commerciare, è inconcepibile supporre che nel tempo abbiano eventualmente raggiunto la Groenlandia?” 

Se quegli antichi navigatori fossero riusciti a raggiungere la Groenlandia passando da un’isola all’altra, è possibile quindi supporre che avrebbero potuto andare un po ‘oltre e alla fine hanno raggiunto il Nord America, che in sostanza è proprio dietro l’angolo?

In caso contrario, dove sono scomparse migliaia di tonnellate di rame dalla regione intorno ai Grandi Laghi durante l’età del bronzo? Soprattutto, come hanno fatto le spezie, le piante e gli insetti indigeni solo in America a trovarsi a Santorini intorno al 1600 a.C.?

Uno scavo nell’antica città di Akrotiri, sull’isola di Santorini, ha rivelato che uno scarabeo di tabacco, un insetto originario dell’America all’epoca, fu trovato sepolto sotto la cenere vulcanica dell’eruzione del 1600 a.C., ma il tabacco non fu introdotto agli europei fino al 1518 d.C., come afferma la storia.

Mentre i filologi e i classicisti di oggi concordano sul personaggio immaginario della storia, c’è ancora dibattito su quale sia stata la sua ispirazione. 

Come per esempio con la storia di Gyges, Platone è noto per aver preso in prestito liberamente alcune delle sue allegorie e metafore dalle tradizioni più antiche.

Ciò portò un certo numero di studiosi a indagare sulla possibile ispirazione di Atlantide dai registri egiziani dell’eruzione dei Thera, dell’invasione dei popoli del mare o della guerra di Troia.

Altri hanno respinto questa catena di tradizioni come non plausibile e insistono sul fatto che Platone creò una nazione interamente immaginaria come suo esempio, prendendo spunto da eventi contemporanei come la fallita invasione ateniese della Sicilia nel 415 – 413 a.C. o la distruzione di Helike nel 373 a.C.

Loading...
Potrebbero interessarti

Cosa vedi prima? Rivela gli aspetti nascosti di te

Ciò che vedi per primo? L’immagine rivela gli aspetti nascosti della tua…

Siamo pronti al gelo dei Giorni della Merla?

Nell’ultimo mese lo stivale è stato flagellato dal freddo, dal gelo e…