Bernardo Bertolucci, ennesimo chiarimento su Ultimo Tango a Parigi

Negli ultimi giorni sono state migliaia le reazioni indignate sui social network contro Bernardo Bertolucci, e che hanno visto protagonisti anche star come Chris Evans, Anna Kendrick e Jessica Chastain.

A causarle, la pubblicazione qualche giorno fa sul sito Usa di Elle di una video intervista del 2013 al regista, nella quale Bertolucci ammette che l’allora 19enne Maria Schneider non era consenziente nella celebre “scena dello stupro”, poi passata alla storia come la “scena del burro”, di Ultimo tango a Parigi.

Bertolucci, nella medesima intervista, dice n di ”aver agito in un modo orribile con Maria, perché non le ho spiegato cosa sarebbe successo”. Tutto per avere ”la sua reazione come ragazza, non come attrice. Volevo si sentisse realmente umiliata”.

In queste ore, dopo il nuovo scandalo, il regista ha scelto di parlarne di nuovo, ed ha affermato: “Maria sapeva tutto perché aveva letto la sceneggiatura, dove era tutto descritto” ha precisato il regista “La cosa di cui non era informata era che avremmo usato del burro”.

“Qualche anno fa, alla Cinémathèque Francaise, qualcuno mi ha chiesto dettagli sulla famosa scena del burro” ha fatto sapere Bertolucci “Io ho precisato di avere deciso insieme a Marlon Brando di non informare Maria che avremmo usato del burro. Volevamo la sua reazione spontanea a quell’uso improprio”.

«È consolante e desolante – conclude il regista – che qualcuno sia ancora così naïf da credere che al cinema accada per davvero quello che si vede sullo schermo. Quelli che non sanno che al cinema il sesso viene (quasi) sempre simulato, probabilmente, ogni volta che John Wayne spara a un suo nemico, credono che quello muoia per davvero».

Loading...
Potrebbero interessarti

Forever Young, esce a marzo il film dedicato ai finti giovani

Il film di Fausto Brizzi Forever Young uscirà nelle sale cinematografiche italiane…

Gino Paoli operato all’aorta, la moglie: presto di nuovo in scena

Preoccupazione per Gino Paoli, operato all’aorta ma ora sta meglio, infatti, la…