Betsaida, ritrovato il villaggio maledetto da Cristo
Betsaida ritrovato il villaggio maledetto da Cristo

Secondo la Bibbia, Betsaida fu maledetta da Cristo per non essersi pentita nonostante avesse compiuto due miracoli in tale luogo e ora gli archeologi credono di aver trovato quel villaggio.

Un villaggio biblico condannato alla distruzione da Gesù esisteva davvero e oggi giace in rovina a solo un miglio dal mare della Galilea, così credono gli archeologi.

Si dice che Betsaida, la città natale dei discepoli Pietro, Andrea e Filippo, fosse il luogo in cui Cristo compì due miracoli: nutrire la moltitudine e aiutare un cieco a vedere.

Ma Gesù maledisse il villaggio, insieme ad altri due, per non essersi redento nonostante i suoi miracoli, avvertendo che sarebbero andati incontro ad un trattamento peggiore di Sodoma, una città distrutta da Dio nell’Antico Testamento.

La vera posizione di Betsaida è stata infine persa nella storia, con diversi archeologi che valutano luoghi diversi, ma il professor Rami Arav crede che il mistero sia ora risolto.

Dopo 32 anni di scavi, il dottor Arav, dell’Università del Nebraska, non ha dubbi che Et-Tell, un sito di scavo sulle alture del Golan, sia lo stesso luogo del villaggio biblico.

Fonti antiche pongono diversi requisiti per l’identificazione di Betsaida“, ha detto.

I reperti in Et-Tell hanno convinto non solo me, ma un gruppo di esperti di fiducia.

Per sostenere il suo caso, il dottor Arav fa riferimento allo storico romano, Tito Flavio Giuseppe, che descrive la posizione di Betsaida.

Giuseppe Flavio dice che la città si trovava nel ‘Golan inferiore’ vicino all’estuario del fiume Giordano“, spiega il dott. Arav.

Significa ovviamente che questo è il posto in cui dovremmo cercare Betsaida“.

Il professore sottolinea anche la descrizione di Giuseppe Flavio di come a Betsaida fu successivamente “ridata la dignità di una città” e ribattezzata Julias, dopo la moglie dell’imperatore romano Augusto.

A Et-Tell abbiamo scoperto un tempio che era dedicato a Julia, la moglie di Augusto“, ha detto.

Il nome Betsaida si traduce come “casa di pesca / caccia” e il dottor Arav crede che questo abbia un altro indizio.

Egli sostiene che le rovine di Et-Tell una volta erano conosciute come Zer, che potrebbe anche essere trascritto come “Tzed“, una parola ebraica che significa sia caccia che pesca.

Questo nome, crede, alla fine si è trasformato in Beit-tzed o Betsaida.

E sebbene Et-Tell si trovi a più di un miglio dal mare di Galilea – contrariamente alla descrizione biblica di Betsaida come luogo accessibile in barca – il sito di scavo potrebbe essere stato più vicino nei tempi antichi.

La trasformazione, si sostiene, può essere spiegata dai movimenti tettonici e dal cambiamento dei livelli dell’acqua.

Il dottor Arav ha detto: “Fondamentalmente devi sapere che il mare della Galilea si trova proprio nel mezzo della spaccatura siro-africana ed è soggetto a cambiamenti tettonici“.

Hanno anche scoperto antiche attrezzature da pesca tra le rovine dell’insediamento.

Loading...
Potrebbero interessarti

Donald Trump: “stop all’ingresso di musulmani negli Usa”, è polemica

Il candidato repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump, è ora al centro…

Hostess United vieta lattina a una musulmana

Stati Uniti. Una bufera di polemiche scatenate dal comportamento di una hostess…