Braccio robotico comandato dalle intenzioni del cervello
Braccio robotico comandato dalle intenzioni del cervello

Il California Institute of Technology ha sviluppato il primo braccio robotico interamente comandato dal cervello.

Il progetto del California Institute of Technology, rispetto ad altri precedenti progetti, viene comandato da alcuni microchip, formati da 96 micro elettrodi, posti nella corteccia celebrale, precisamente installati nella parte del cervello che presiede alle intenzioni.

Erik Sorto, un uomo paralizzato da dieci anni, ha beneficiato del progetto sviluppato, che consiste in un braccio robotico comandato a distanza, attraverso questo braccio, l’uomo è riuscito persino a portare alla bocca una bottiglia con una cannuccia.

Il test è stato pubblicato sulla rivista Science, e l’uomo ha anche girato un video per mostrare l’incredibile invenzione dei ricercatori del California Institute of Technology, le sue parole sono state: “Dall’inizio sono stato entusiasta all’idea di far parte del team e di contribuire a uno studio per aiutare persone nella mia condizione”.

Potrebbero interessarti

Bimbo si sveglia: stavano per staccare la spina

La storia di Dylan ha davvero dell’incredibile se si considera che la…

Per i ricercatori britannici l’Alzheimer è trasmissibile

L’Alzheimer è una malattia neurodegenerativa purtroppo ancora molto oscura: non essendo ancora…

Italia al primo posto in Europa per guarigione dalle neoplasie

Nonostante i tagli alla Sanità siano all’ordine del giorno, ed anche la…

Tumori, manifestazioni per la giornata mondiale contro il cancro infantile

Il 15 febbraio è una giornata molto speciale: ricorre infatti la giornata…