Brindisi, scoperto giro di prostituzione in un centro massaggi

Purtroppo non è poi così insolito che dietro un centro massaggi si nasconda un centro che offre prestazioni ai suoi clienti, uomini, di ben altra natura: e difatti la Squadra Mobile di Brindisi ha sgominato un’associazione a delinquere dedita allo sfruttamento, all’induzione e al favoreggiamento della prostituzione di giovani ragazze cinesi, che “lavorano” proprio in uno centro massaggi.

Quello che più ha lasciato di stucco è il fatto che a capo dell’organizzazione criminale ci fosse un insospettabile: a un docente di seconda fascia di Matematica e Fisica all’Università del Salento, Chu Wengchang, detto ‘Vincenzo’, 57 anni, residente a Lecce, viene contestato il ruolo di capo e promotore dell’associazione per delinquere italo-cinese.

In tutto sono indagate 15 persone. Le accuse sono di aver costituito una presunta associazione per delinquere composta dal almeno quattro articolazioni operative nelle città di Brindisi, Lecce, Gallipoli e Taranto, finalizzata al favoreggiamento, all’ induzione e allo sfruttamento della prostituzione di ragazze di nazionalità cinese.

Il giro d’affari calcolato dagli investigatori si aggira intorno ai 150.000 euro al mese.

Loading...
Potrebbero interessarti

Roma, albanesi aggrediscono ragazzo disabile su un bus

Una storia di ordinaria follia viene da dire, perché ormai anche parlare…

Quirinale, medaglia d’oro all’ucraino morto per sventare una rapina

Dopo tanti episodi di violenza in cui gli stranieri vengono additati come…