Capodanno disastroso e in anticipo quello di Rai Uno da Matera

Il capodanno di Rai Uno, tramesso in diretta da Matera, certamente è stato il più seguito e ha battuto, in termini di ascolti, quello di canale 5 in diretta da Bari e condotto da Gigi D’Alessio, ma si è lasciato dietro di se un mare di polemiche che non sarà affatto facile spegnere.

Se per l’incolpevole Matera capitale della Cultura europea 2019 rischia di trasformarsi in un brutto ricordo lo show ‘L’anno che verrà’, sulla Rai invece già si avvertono avvisaglie di bufera e persino qualche licenziamento.

Durante lo show condotto da Amadeus e Rocco Papaleo infatti il conto alla rovescia per accogliere il nuovo anno è iniziato con circa un minuto d’anticipo. Il 2016, quindi, è stato salutato prima che scoccasse la mezzanotte.

Ma non c’è solo il countdown sbagliato. Negli sms trasmessi in sovrimpressione è passata anche una bestemmia. L’azienda parla di «errore umano» e si scusa con il pubblico. «In merito al messaggio gravemente offensivo passato erroneamente in diretta durante la trasmissione “L’anno che verrà” e sfuggito al filtro tra gli oltre 150 mila sms arrivati per celebrare l’arrivo del nuovo anno, la Rai – si legge in una nota di Viale Mazzini – porge le sue scuse a tutti i telespettatori. Il mancato controllo è frutto di un errore umano, il responsabile è stato immediatamente individuato e sospeso dall’azienda».

Sui social network, specie Twitter, numerose le critiche e tanti i commenti, anche attraverso hashtag subito lanciati. E non manca il riferimento alla scena di uno dei film incentrato sul ragionier Fantozzi, ovvero un veglione di Capodanno con lancette spostate in avanti perché’ la band della serata doveva esibirsi anche in un’altra location.

Loading...
Potrebbero interessarti

Melissa Satta: io vittima di bullismo mediatico

Il bullismo è un concetto talmente ampio e complesso che non solo…

Emma Watson: Non faccio più foto con i fan, ecco il perchè

Non si tratta di essere sgarbati, ma evidentemente all’attrice Emma Watson proprio…