Cereali e malattie cardiovascolari, c’è un collegamento

Redazione

Uno studio punta quindi il dito contro i cereali raffinati poiché avrebbero un legame con le malattie cardiovascolari. I risultati mostrano che aumentano il rischio se il consumo è consistente.

I cereali sono in realtà ovunque poiché puoi mangiarli in modi diversi, sia per colazione, pranzo o cena ma, mentre i cereali raffinati sembrano essere criticati, i cereali integrali possono essere utili per la salute.

Cereali e malattie cardiovascolari un collegamento

Lo studio in questione è stato pubblicato sul British Medical Journal e potrebbe quindi rallentare il consumo di questi grani visti i risultati ottenuti.

Gli scienziati hanno determinato una percentuale relativa all’aumento del rischio di malattie cardiovascolari.
I cereali raffinati possono quindi essere collegati ad un maggior rischio di ictus del 47% in caso di consumo intenso.

Per le malattie cardiovascolari, il rischio tende ad aumentare secondo questo studio, del 27%. I cereali raffinati sono spesso facili da gustare e preparare, facendoti risparmiare tempo, ma non bisogna trascurare l’impatto sulla salute.

Come nel caso di tutti i prodotti alimentari che probabilmente ci circondano, dobbiamo essere ragionevoli . Se mangi metà della confezione di cereali raffinati ogni mattina, è probabile che le percentuali possano essere veritiere, ma anche questo non è sistematico, dipende anche da altri fattori.

D’altra parte, può essere saggio rivedere la propria dieta, in particolare limitando il consumo di zucchero, grassi saturi, piatti da confezionati. Lo studio mostra che è possibile mangiare cereali raffinati se non li si supera 350 grammi al giorno.

Pensi che in definitiva sia una quantità significativa, ma include tutti i cereali raffinati, quindi devi prendere in considerazione la pasta industriale, la pasticceria, il pane bianco. È chiaramente necessario eliminare questi cereali dalla routine quotidiana se si desidera gustarli a colazione.

Next Post

Covid-19: Nuova variante segnalata in 13 paesi

Secondo un rapporto scritto da ricercatori dell’Università di Edimburgo, una nuova variante del coronavirus è stata scoperta in diversi paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito e Nigeria. Gli scienziati l’hanno chiamata “B.1.125” ed è attualmente presente in 13 paesi. Da ciò che gli scienziati hanno scoperto, questa nuova variante […]
Covid-19 Nuova variante segnalata in 13 paesi