Chi ricorda la famiglia italiana che non sente dolore

Redazione

Erano sei membri di una famiglia italiana che provavano un dolore sordo solo se si bruciano un braccio o si fratturano. 

Gli scienziati che hanno scoperto e studiato questo raro caso, hanno scoperto che tutti e sei hanno una mutazione genetica comune che causa loro una sensibilità molto ridotta agli stimoli del dolore.

È una donna di 78 anni, le sue due figlie di mezza età e i tre figli di quest’ultima. Nessuno di loro prova dolore come le altre persone, quindi non si rendono nemmeno conto di essere stati feriti da qualcosa.

Quando sono stati esaminati dai medici, hanno trovato fratture alle braccia e alle gambe di cui non si erano resi conto di aver sofferto per tutto questo tempo.

Chi ricorda la famiglia italiana che non sente dolore
foto@Flickr

A volte si sentono un po’ doloranti all’inizio, non appena si verifica la frattura, ma il dolore scompare molto rapidamente“, ha detto James Cox, ricercatore capo presso l’University College London (UCL), secondo New Scientist.

I test medici hanno mostrato che tutti e sei i membri della famiglia hanno un numero normale di nervi nella pelle, ma tutti hanno una mutazione genetica nel gene ZFHX2.

Gli scienziati hanno “cancellato” questo gene nei topi e hanno scoperto che gli animali diventavano ipersensibili agli stimoli della temperatura, ma quasi inconsapevoli della pressione della coda. 

Ciò dimostra che questo gene è coinvolto nella sensazione di dolore e quanto sia doloroso.

Quando i topi sono stati geneticamente modificati per portare lo stesso gene mutato nel loro DNA della famiglia italiana, gli animali sono diventati molto meno sensibili agli stimoli dolorosi del calore. 

ZFHX2 sembra controllare l’attività di altri 16 geni, alcuni dei quali regolano la sensazione di dolore.

I ricercatori studieranno ulteriormente come esattamente questi geni riducano la sensazione di dolore, nella speranza che possano sviluppare in futuro un nuovo tipo di analgesico, soprattutto per le persone che soffrono di dolore cronico e non sono in grado di trovare sollievo con i trattamenti esistenti.

Next Post

Sei persone su dieci hanno contatti con i propri defunti

Secondo uno studio, sei persone su dieci che hanno perso una persona cara affermano di aver visto o sentito qualcosa dopo la loro morte. L’indagine è stata condotta in Gran Bretagna e ha coinvolto persone che hanno perso il proprio partner, i propri genitori, i propri figli o amici. Secondo […]
Sei persone su dieci hanno contatti con i propri defunti