Cina: Ecco il perchè dei tamponi anali

Redazione

I residenti della capitale cinese di Pechino stanno sperimentando una nuova tipologia di tamponi anali per il coronavirus, piuttosto che la tecnica più tradizionale di naso e gola che è in uso in tutto il mondo.

Alcuni esperti dicono che il metodo è più accurato e aumenta le possibilità di rilevare il virus, anche in coloro che sono asintomatici.

Cina Ecco il perche dei tamponi anali

Tuttavia, l’opinione è divisa e altri hanno suggerito che il test delle vie respiratorie è più che sufficiente.

Più di tre milioni di persone a Pechino sono state testate dal 17 gennaio dopo che un bambino di nove anni è risultato positivo.

Si spera che la diffusione del coronavirus possa essere limitata e rallentata testando quante più persone possibile per isolare coloro che hanno il virus.

Per raccogliere i campioni di acido nucleico necessari per il test è necessario inserire un tampone nel retto di circa due o tre centimetri, quindi ruotarlo più volte.

Dopo aver completato questo movimento due volte, il tampone viene estratto e posto in un contenitore sterile per campioni. Questo richiede circa 10 secondi.

I tamponi anali sono effettivamente in uso in Cina dallo scorso anno, ma – secondo un esperto cinese di controllo delle malattie – sono stati utilizzati solo in gruppi chiave nei centri di quarantena perché è così scomodo per coloro che li ricevono.

Secondo Li Tongzeng, dell’ospedale Beijing You’an, il coronavirus sopravvive più a lungo negli escrementi o nell’ano che nella gola e nel passaggio nasale.

Ha detto a CCTV e come riportato anche dal Daily Mail : “Abbiamo scoperto che alcuni pazienti asintomatici tendono a riprendersi rapidamente. È possibile che non ci sarà traccia del virus nella loro gola dopo tre o cinque giorni“.

Ma il virus dura più a lungo dai campioni prelevati dal tubo digerente e dagli escrementi del paziente, rispetto a quelli prelevati dalle vie respiratorie“.

Utilizzare tamponi anali per il test degli acidi nucleici, aumenterebbe i tassi di rilevamento dei pazienti e ridurrebbe la possibilità di una diagnosi mancata“.

Tuttavia, un altro scienziato, Yang Zhanqui, vicedirettore della biologia dei patogeni presso l’Università di Wuhan, ha affermato che il tampone per la gola e il naso rimane il modo migliore per testare il virus, poiché viene contratto attraverso le vie respiratorie, non il tratto digerente.

Ha detto a Global Times : “Ci sono stati casi riguardanti il ​​test del coronavirus positivo negli escrementi di un paziente, ma nessuna prova ha suggerito che fosse stato trasmesso attraverso il proprio sistema digestivo“.

fonte@LadBible

Next Post

Hacker, Apple avvisa: aggiornare gli smartphone

Apple ha esortato gli utenti di iPhone e iPad ad aggiornare immediatamente i propri sistemi operativi per correggere i bug di sicurezza che potrebbero essere già stati sfruttati dagli hacker. Sul sito web ufficiale, la società ha affermato che tre falle di sicurezza “avrebbero potuto essere sfruttate attivamente” in cui non […]
Hacker Apple avvisa aggiornare gli smartphone