Cina, il fumo provocherà una morte su 3 entro il 2030

Nelle scorse ore, a Londra, sono stati presentati i dati di una ricerca condotta sulla popolazione cinese e l’allarme che ne scaturisce è veramente grave: il vizio del fumo è talmente diffuso che tra pochi anni un giovane ogni tre morirà per cause legate direttamente al proprio vizio.

Lo studio è stato condotto in modo congiunto dall’Università di Oxford, dall’Accademia Cinese di Scienze Sociali e dal Centro per il Controllo delle Malattie cinese, ed ha mostrato che due terzi dei giovani uomini cinesi cominciano a fumare prima di aver raggiunto i venti anni, e che la metà di questi morirà per complicazioni derivate dal fumo a meno che non smetta di fumare.

La ricerca è stata portata avanti due volte, a 15 anni di distanza, ed ha coinvolto centinaia di migliaia di persone, arrivando a determinare che nel 2010 sono morte per malattie derivate dal fumo 1 milione di persone, mentre la proiezione per il 2030 è di 2 milioni di persone se le abitudini rispetto al consumo di tabacco non saranno modificate.

Il 68% dei fumatori è di sesso maschile, ma non per questo le donne rischiano meno, essendo fortemente esposte al fumo passivo.

Ricordiamo inoltre che la Cina è il primo produttore e il primo consumatore mondiale di tabacco, il vizio assicura il 7% delle entrate fiscali di Stato.

Loading...
Potrebbero interessarti

Pasta, a cena aiuta a conciliare il sonno

Dietologi e nutrizionisti sono quasi tutti concordi nel ritenere che la pasta,…

Feltri non va in Sicilia per paura di ipotetici contagi?

La “fobia” immigrati, lentamente ma inesorabilmente sta colpendo buona parte della cittadinanza,…