Cioccolato, mangiarlo aiuta a combattere la depressione

Redazione

Per noi cultori del cioccolato, diciamocela tutta, questa non è affatto una sorpresa quanto piuttosto una piacevole conferma: noi già lo sapevamo che il cioccolato è il rimedio per tutti i mali, e che nulla tira più su di un cucchiaio di questa crema goduriosa.

Ma ora è arrivata la conferma della scienza: gli esperti dell’University College London, della University of Calgary e dell’Alberta Health Services Canada confermano che il cioccolato fondente può arrivare a ridurre il rischio di depressione di ben 4 volte.

Gli studiosi hanno infatti potuto verificare che, se il 7,6% di un campione di 13.626 persone studiate proveniente dalla Us National Health and Nutrition Examination Survey risulta soffrire del ‘male di vivere’, questa percentuale cala a solo l’1,5% fra chi mangia regolarmente cioccolato, fondente per la precisione.

La ricerca ha anche rilevato che chi ne consuma di più – fra 104 grammi e 454 grammi al giorno, di qualsiasi tipo la cioccolata – ha anche il 57% di possibilità in meno di avere i primi sintomi depressivi.

La dott.ssa Sarah Jackson, che ha guidato lo studio, ha affermato che i risultati forniscono “alcune prove” che il consumo di cioccolato, particolarmente quello scuro, può ridurre il rischio di sintomi depressivi.

Attenzione però a correre a mangiarne senza ritegno:

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire la direzione della causalità. Potrebbe essere perché la depressione induce le persone a perdere il loro interesse a mangiare cioccolato. Oppure potrebbero esserci altri fattori che rendono le persone meno propense a mangiare cioccolato fondente e ad essere depresse”.

Next Post

Lucca, un altro bimbo muore annegato in piscina

Si sa che con i bambini nemmeno cento occhi sembrano bastare: basta un attimo di distrazione affinché si mettano in situazione potenzialmente anche molto pericolose, senza contare tutte le marachelle che sono capaci di combinare in pochi secondi. Ma in questa estate sembra che le piscine siano veramente maledette per […]