Cittadinanza italiana, chi può averla?

Redazione

Complice una politica dell’immigrazione non sempre chiara, molti italiani sono convinti che gli immigrati vengano a frotte qui nel nostro paese per ottenere la cittadinanza e poter godere degli aiuti dello stato, e soprattutto per farla ottenere ai tanti figli che mettono al mondo proprio qui sul nostro suolo.

Eppure l’Italia è uno dei paesi dove è più difficile ottenere la cittadinanza e dove non basta affatto nascere qui per averla.

In Italia infatti non esiste lo Ius soli, ovvero l’acquisizione della cittadinanza da parte di chi nasce sul suolo italiano, a prescindere dalla nazionalità dei suoi genitori. I bambini che nascono in Italia da genitori stranieri non possono quindi in generale diventare cittadini italiani fino al compimento del 18esimo anno di età.

Ma allora vediamo più nel dettaglio come la si ottiene.

Innanzitutto la cittadinanza italiana si ottiene, in via generale, secondo il principio dello ius sanguinis, ossia per il fatto di essere figli di almeno un genitore italiano.

È poi possibile la modalità per discendenza da un soggetto, originariamente cittadino italiano, emigrato in un paese in cui vige lo ius soli, anche se è necessario dimostrare di discendere dal soggetto originariamente cittadino italiano e che non vi sono interruzioni nella trasmissione della cittadinanza.

Possono poi fare richiesta della cittadinanza italiana i cittadini stranieri o apolidi che si uniscono in matrimonio con un cittadino italiano. Se i coniugi risiedono all’estero sono necessari 3 anni, altrimenti ne bastano 2. In ogni caso in presenza di figli i termini si dimezzano.

La cittadinanza può essere richiesta anche dagli stranieri che risiedono in Italia da almeno dieci anni e sono in possesso di determinati requisiti: il richiedente deve dimostrare di avere redditi sufficienti al sostentamento, di non avere precedenti penali, di non essere in possesso di motivi ostativi per la sicurezza della Repubblica.

Next Post

Treviso, padre pedofilo abusa della figlia di due anni e filma tutto

Ci sono termini che non dovrebbero mai coesistere nella stessa frase, e due di questi sono senza dubbio “padre” e “pedofilia”: un padre è colui che si prende cura dei propri figli anche a costo della vita, che li protegge dalle brutture della vita con tutti i mezzi in suo […]