Colin Firth cittadino italiano a tutti gli effetti

C’è chi scappa dal nostro amato paese e chi invece è rimasto sempre legato, magari per le sue antiche origini o più semplicemente perchè la propria moglie ha origini italiane, è il caso di un famoso attore legato al nostro paese da un effetto profondo, ha moglie italiana e una casa in Umbra, mancava una sola cosa per completare il quadro: Colin Firth ora è cittadino italiano.

In un momento storico in cui tantissimi sono costretti a scappare dal nostro paese per cercare fortuna e un futuro lavorativo più stabile, lui, attore premio Oscar, ha chiesto di poter essere riconosciuto cittadino italiano, e il Viminale glielo ha concesso.

La richiesta di Colin Firth è un attestato di stima verso l’Italia che già dimostra di amare avendo imparato a parlare la nostra lingua perfettamente. Il Daily Mail aveva inoltre scritto che la decisione dell’attore è una conseguenza della Brexit, da cui sarebbe horrified, orripilato.

Il suo ufficio stampa, però, ha confermato la notizia senza aggiungere commenti politici, limitandosi a poche parole secche: «Colin ha richiesto la doppia cittadinanza (britannica e italiana) per avere lo stesso passaporto di sua moglie e dei figli».

L’attore inglese, che vive tra Londra e Città della Pieve, aveva chiesto quest’anno la cittadinanza italiana in quanto marito da venti anni della produttrice e regista italiana Livia Giuggioli, dalla quale ha avuto due figli, Luca e Matteo.

Per i pochi che non fossero suoi fans, ricordiamo che il successo vero, nella carriera per l’attore britannico, è arrivato negli anni ’90 e, precisamente, nel 1995 con l’adattamento televisivo della BBC di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen, aggiudicandosi anche la candidatura per un premio BAFTA.

A seguire sono arrivati per Firth dei ruoli da protagonista o co-protagonista in Shakespeare in Love, in La ragazza con l’orecchino di perla, in Love Actually, in Nanny McPhee – Tata Matilda, in L’ultima legione, in Mamma mia! (adattamento cinematografico del musical), in Un matrimonio all’inglese e in A Christmas Carol.

Nei panni del timido Mark Darcy è stato protagonista della saga cinematografica in tre film di Bridget Jones (Il diario di Bridget Jones, Che pasticcio, Bridget Jones e Bridget Jones’s Baby) accanto a Renée Zellweger.

Tra i riconoscimenti nel 2009 la Coppa Volpi, nel corso del 66esimo Festival del cinema di Venezia per la sua interpretazione in A single man di Tom Ford. Per lo stesso film gli è stato consegnato anche un premio BAFTA e nomination agli Academy Award, ai Golden Globe, agli Screen Actors Guild e ai BFCA.

Ha inoltre ottenuto il premio Oscar per il film di Tom Hopper, Il discorso del re, pellicola che ha portato a casa anche l’Academy come Miglior film, Miglior regia e Miglior sceneggiatura.

Loading...
Potrebbero interessarti

Robbie Williams, senza veli per Attitude

Passano gli anni, si mette su famiglia ma il carattere di certo…

Pupo, ancora rivelazioni hot sulla sua vita sessuale

Non è la prima volta che parla della sua vita privata, ed…