Come fare un barbecue perfetto e cosa utilizzare

Redazione

Come fare un barbecue perfetto, dalla carbonella all’accensione, come perpararlo.

La prima regola pratica per fare un barbecue perfetto è pianificare e controllare il fuoco. Bisogna sempre calcolare il tempo che ci vorrà per ottenere la brace per sapere a che ora avremo il barbecue caldo pronto per grigliare.

Il tempo sarà diverso se usiamo legna da ardere o carbone (carbonella)

Come fare un barbecue perfetto e cosa utilizzare

Ogni elemento impiega un tempo diverso per diventare brace: il legno impiega molto più tempo del carbone.

Il carbone di quercia è il più consumato in generale, o altre tipologie di legno che fanno meno fumo. Bisogna usare un buon carbone ed evitare quelli di qualità inferiore, che di solito portano con se molta polvere di carbone.

Adagiate un giornale con delle trucioli o pigne di pino e accendete in modo tale che una volta che avremo una buona fiamma, incorporeremo la carbonella o la legna dura con cui faremo l’arrosto.

La griglia di ventilazione nella parte inferiore deve essere aperta (nei barbecue chiusi). Si consiglia di scartare a priori i prodotti per accensione rapida (in gergo per avviare), che contengono derivati ​​del petrolio e qualsiasi tipo di liquido infiammabile.

Bisogna avere semplicemente pazienza, accendete il barbecue con cura ed evitate l’uso di prodotti chimici, che finiscono per influenzare il gusto e l’aroma del cibo, oltre ad essere poco salutari.

Ci sono accendini e porta carboncini per avere la brace pronta in modo più veloce e aggiungerla, già pronta, al barbecue per iniziare la cottura.

Nel Barbecue perfetto non deve mancare l’ossigeno

Il segreto per produrre meno fumo possibile è che il fuoco ha sempre la sua quantità di ossigeno.

Se mettiamo molta legna o molto carbone sulle fiamme dei trucioli, taglieremo l’ingresso dell’aria alla combustione e comincerà ad uscire molto fumo.

Una volta acceso il fuoco, bisognerà calcolare mezz’ora per un carico medio e quasi un’ora se è a pieno carico.

La carne non verrà messa sulla griglia fino a quando la brace non sarà ben calda, il che significa che le fiamme sono state spente, il colore nero della brace è completamente scomparso e la brace è ricoperta da una sottile pellicola di cenere biancastra.

La prova della brace

Consiste nel mettere il palmo della mano aperta a circa 10 centimetri dalla griglia e, se teniamo sette secondi senza sentire che stiamo bruciando, è il segno che la brace è pronta per appoggiare le carni e cuocerle.

Se abbiamo bisogno di un fuoco più forte, per pesce e tagli di carne più sottili, il tempo sarà di 4-5 secondi.

Next Post

Amuchina fatta in casa, ce lo spiega l'OMS

Come fare l’amuchina in casa, dall’OMS arriva la ricetta per il fai da te La preparazione di un igienizzante per le mani fai da te è facile con la ricetta dell’OMS, utilizzando ingredienti che possiamo trovare al supermercato. Il disinfettante per le mani fatto in casa che puoi preparare con […]
Amuchina fatta in casa ce lo spiega OMS