Coronavirus, 10 sintomi descritti da chi ne è uscito
Coronavirus 10 sintomi descritti da chi ne e uscito

Mentre il coronavirus continua a diffondersi in tutto il mondo, ecco alcuni dei sintomi condivisi da chi è uscito dal COVID-19.

Il coronavirus può colpire i polmoni e vie respiratorie, secondo il SSN (servizio sanitario nazionale) , i principali sintomi da tenere in considerazione sono febbre e tosse secca.

Oggi anche il governo del Regno Unito, uno degli ultimi, sta incoraggiando le persone a lavorare da casa ed evitare incontri di massa.

Le nazioni europee stanno cercando di contenere la libertà di movimento e i medici stanno cercando di capire come si diffonde il nuovo virus e come può essere curato.

Se si verificano sintomi associati al coronavirus, si consiglia di autoisolarsi per sette giorni se si vive da soli o 14 giorni se si vive con altri.

Ma con l’influenza stagionale e il comune raffreddore che è ancora in giro, può essere difficile riuscire a distinguere i sintomi.

Di seguito sono riportati 10 dei sintomi vissuti da pazienti che sono riusciti a sopravvivere al coronavirus, come riportato dal Daily Mirror .

Coronavirus: sintomi descritti dai sopravvissuti.

1. Dolore al petto

Questo è un sintomo generalmente associato all’influenza o al raffreddore.

Connor Reed, un britannico che vive a Wuhan, ha affermato che il dolore al petto era quasi insopportabile.

Ha registrato la sua vita giorno per giorno in un diario e si è sentito male per 24 giorni.

L’insegnante di 25 anni è stato curato in ospedale ed è stata una delle prime persone a contrarre il COVID-19.

Ha spiegato: “Questo non è più solo un raffreddore. Mi fa male dappertutto, la testa mi batte forte, gli occhi mi bruciano, la gola brucia

2. Pressione dell’orecchio

Connor ha descritto uno dei tanti sintomi come la pressione nelle orecchie che li fa sentire come “pronti a scoppiare“.

Ha spiegato: “Il petto faceva male e i miei timpani li sentivo come pronti a scoppiare. So che non avrei dovuto farlo, ma massaggio l’orecchio interno con dei bastoncini di cotone, cercando di alleviare il dolore.

Questo sicuramente non è raccomandato, perché si può finire per fare più male che bene.

Molto probabilmente la pressione dell’orecchio è causata da tubi intasati nell’orecchio a causa dell’ostruzione del muco.

3. Mal di testa martellante

Connor ha anche descritto di avere un “mal di testa martellante“, tipico di un brutto raffreddore o influenza.

Il mal di testa si manifesta spesso insieme alla febbre.

Il dott. Jan Tan, esperto immunitario, ha dichiarato ad A. Vogel: “I virus dell’influenza non possono moltiplicarsi a temperature elevate, quindi il tuo corpo aumenta la temperatura, provocando la febbre“.

Questo fa dilatare i vasi sanguigni, aumentando la pressione all’interno della testa, causando sensazioni di pesantezza o dolore martellante.”

4. Bruciore agli occhi

Un altro dei sintomi riportati da Connor era bruciore agli occhi.

L’infiammazione provocata da un virus può causare bruciore o prurito agli occhi.

Può essere paragonato al tipo di prurito e irritazione che possono verificarsi quando si è allergici a smog, fumo o polvere.

5. Fastidio alla gola

La gola costretta è un altro dei sintomi che potrebbe essere paragonato al tipico di una reazione allergica.

Una gola costretta può verificarsi a causa di gonfiore e infiammazione. Questo succede a causa della tosse.

6. Dolori generici

Molti di coloro che si sono ripresi dal coronavirus hanno riportato dolori generici in tutto il corpo.

Questa è una reazione comune quando qualcuno soffre di un virus.

Oltre al petto, alle orecchie e al naso, le persone hanno riportato anche dolori a braccia, gambe e petto.

7. Polmoni che “suonano come accartocciati”

All’undicesimo giorno, Connor pensava che l’influenza avesse iniziato a salire sempre più.

Connor scriveva sul diario: “Sto sudando, sto bruciando, ho le vertigini e i brividi. La televisione è accesa ma non riesco a capirla. Questo è un incubo

Non riesco più a respirare bene e, quando espiro, i miei polmoni sembrano un sacco di carta che si sta accartocciando.

Dopo una visita dal medico gli è stata diagnosticata la polmonite.

8. Fatica

Essere estremamente stanchi è un sintomo comune di raffreddore, influenza e virus in generale.

Jaimuay Sae-ung, 73 anni, è stato il primo cittadino thailandese a contrarre COVID-19 a dicembre 2019.

La madre di sette figli ha detto a Sky News: “Ho saputo di avere il coronavirus solo dopo essere venuta in ospedale“.

Mi sentivo triste, scioccata, stanca e affaticata e non riuscivo a mangiare.

Ha sviluppato polmonite durante la quarantena, ma dopo 10 giorni le sue condizioni sono migliorate.

9. Mancanza di appetito

Jaimuay ha affermato di non poter mangiare durante il periodo del COVID-19.

Uno studio su 138 pazienti con il virus a Wuhan ha anche scoperto che il 39% aveva perdita di appetito.

10. Febbre

La febbre è uno dei principali sintomi che il SSN dice si possa manifestare.

Per alcune persone questo è l’unico sintomo di coronavirus che però può essere anche lieve.

Un giovane colpito da coronavirus che non ha voluto fare il suo nome ha dichiarato al Claire Byrne Live Show di RTE:

L’unico sintomo che ho avuto è stato, fondamentalmente, la febbre. Non ho avuto alcun problema respiratorio, alcuna infiammazione polmonare, tosse, starnuti, così è stata solo la febbre.

Loading...
Potrebbero interessarti

Fare figli come i conigli: ecco il senso del curioso detto

Molti detti popolari sono strani o particolari, ma c’è n’è uno che…

Glutine, ecco cosa succede ad evitarlo quando non si è celiaci

Il glutine è un complesso alimentare costituito principalmente da proteine. Si tratta di…