Coronavirus, i governi negano la libertà per creare un nuovo ordine mondiale?
Coronavirus i governi negano la liberta per creare un nuovo ordine mondiale

Il coronavirus è destinato a creare un Nuovo Ordine Mondiale, queste le ultime teorie che stanno spopolando in rete.

I governi di tutto il mondo stanno cercando di contenere la diffusione di Covid-19, ma alcune persone sono già preoccupate che le rigide regole diventino la “nuova normalità“.

La pandemia di coronavirus ha cambiato il modo di vivere, forse per sempre.

Ci vorranno anni, probabilmente decenni, prima che le persone si sentano a proprio agio insieme in un locale affollato, ai concerti o eventi sportivi.

La crisi senza precedenti del Covid-19 ci ha visto adottare rapidamente un nuovo modo di vivere che speriamo possa proteggere noi e i nostri cari. Ma ovunque ci sia una crisi, qualcuno troverà un’opportunità.

E secondo alcuni teorici della cospirazione, la pandemia viene già sfruttata dai governi per impadronirsi di un maggiore controllo sulla società, facendo arretrare le libertà conquistate duramente in tema di contenimento del virus.

Covid-19, il virus sfruttato dai grandi della Terra per creare una nuova realtà.

Albert Fox Cahn, direttore esecutivo del Surveillance Technology Oversight Project, ritiene che i governi non rinunceranno facilmente a questi nuovi poteri.

Ha detto: “Non abbiamo assolutamente motivo di credere che gli enti governativi desiderosi di espandere il loro potere in risposta al Covid-19 saranno disposti a vedere scadere quelle autorità una volta che il virus è stato sradicato“.

Non solo i governi, ma anche le aziende stanno trovando il modo di trarre qualche beneficio dalla crisi. Amazon ha già cambiato il modo di fare acquisti e ha reso molto più difficile per i negozi tradizionali ottenere profitti.

Ora, la maggior parte di quei negozi tradizionali è stata costretta a chiudere, mentre Amazon afferma di star assumendo 100.000 dipendenti in più a tempo pieno e part-time per gestire l’attuale aumento della domanda, portando la loro forza lavoro totale a 900.000.

Dave Clark, responsabile delle operazioni mondiali di Amazon, afferma che si tratta di posizioni temporanee e si aspetta che i 100.000 lavoratori tornino dai loro ex datori di lavoro una volta che la crisi è finita: “Vogliamo che quelle persone sappiano che li accogliamo nei nostri team fino a quando le cose non torneranno alla normalità e il loro precedente datore di lavoro è in grado di riprenderli“, ha detto al Financial Times.

Ma questo presuppone che gli ex datori di lavoro siano ancora in grado di andare avanti dopo la crisi.

Molte aziende a quel punto, saranno state costrette a chiudere definitivamente.

Il sito web Vigilant Citizen prevede un grande cambiamento nel modo in cui facciamo affari con le mega corporazioni che sostituiranno completamente le attività che conosciamo oggi: “Se il blocco persiste, possiamo aspettarci un grande cambiamento nell’economia globale“, afferma un editoriale sul sito, con l’avvertimento: “Le piccole e medie imprese lotteranno e moriranno mentre entità gigantesche prospereranno“.

Il sito elenca anche altri modi in cui le risposte dei governi al virus ci hanno avvicinato alla società Orwellian che i teorici della cospirazione prospettano da anni; persone seguite con i telefoni cellulari in Corea del Sud, Israele e Singapore, una rete massiccia di telecamere a circuito chiuso in Cina e persone che infrangono le regole del blocco vengono picchiate con manganelli in India.

Loading...
Potrebbero interessarti

Aveva previsto il Coronavirus, nuove profezie per il 2020

Craig Hamilton-Parker, un sensitivo molto popolare nel Regno Unito, ha rivelato nuove…

Francia, sì alla legge contro lo spreco alimentare

La Francia si mette all’opera per limitare gli sprechi: approvati in un…