Coronavirus: La variante inglese più mortale?

Redazione

Funzionari del Regno Unito affermano che la variante britannica del nuovo coronavirus potrebbe essere più mortale di altri ceppi, ma sottolineano che le prove di ciò sono ancora molto incerte. 

Questa variante, chiamata B.1.1.7, è stata identificata per la prima volta nel Kent, in Inghilterra, nel settembre 2020 e da allora si è diffusa in tutto il mondo. Tale variante è più contagiosa, con studi che hanno rilevato che è circa il 50-70% più trasmissibile rispetto ad altri ceppi ampiamente circolanti.

Coronavirus La variante inglese piu mortale

Oltre a diffondersi più rapidamente, ora sembra anche che ci siano alcune prove che la nuova variante, possa essere associata a un più alto grado di mortalità“, ha detto il primo ministro britannico Boris Johnson durante una conferenza stampa venerdì (22 gennaio).

I dati provengono da diversi studi preliminari sui tassi di mortalità tra le persone con la nuova variante rispetto ai tassi legati ad altri ceppi, secondo la BBC . Ad esempio, uno studio della London School of Hygiene & Tropical Medicine ha esaminato 2.583 decessi tra 1,2 milioni di persone testate per il coronavirus nel Regno Unito e ha scoperto che coloro che avevano la nuova variante avevano circa il 30% in più di probabilità di morire in 28 giorni. periodo confrontato con quelli infettati da altri ceppi, secondo i dati pubblicati dal governo del Regno Unito

Patrick Valance, il capo consulente scientifico del Regno Unito, ha affermato nella conferenza stampa che in una popolazione di 1.000 persone sulla sessantina infette da altri ceppi, si prevede che circa 10 persone moriranno, ma con la nuova variante , il numero di morti aumenterebbe a 13 per 1.000.

I primi casi analizzati potrebbero non essere rappresentativi della popolazione totale. Inoltre, i funzionari vedono questo aumento della mortalità solo quando guardano alla popolazione più ampia di chiunque sia risultato positivo al virus. Quando guardano solo coloro che sono ricoverati, non vedono un aumento della mortalità con la nuova variante. Tuttavia, i funzionari hanno notato che il tempo di attesa tra il ricovero in ospedale e la morte può essere relativamente lungo e che dati aggiuntivi nelle prossime settimane renderanno la loro analisi più definitiva.

Le prove “non sono ancora forti”, ha detto Valance. “C’è molta incertezza su questi numeri e abbiamo bisogno di più lavoro per ottenere un controllo preciso su questo.

fonte@WordsSideKick.com

Next Post

Vive in aeroporto da 3 mesi per paura del coronavirus

L’episodio ricalca molto la storia di “The Terminal” la pellicola interpretata dal grande Tom Hanks del 2004, un uomo che temeva il coronavirus si è ritrovato a vivere in un aeroporto per tre mesi invece di tornare a casa. Aditya Singh, 36 anni, è stato arrestato il 16 gennaio all’interno […]
Vive in aeroporto da 3 mesi per paura del coronavirus