Coronavirus: siamo troppo egoisti, Stati Uniti in cima alla classifica
Coronavirus siamo troppo egoisti Stati Uniti in cima alla classifica

Feste, discoteche, locali pubblici, bar affollati tutto questo è tornato come normale amministrazione nell’ultimo periodo, siamo talmente tanto legati alle nostre abitudini? Siamo davvero così egoisti?

In cima alla classifica ci sono gli Stati Uniti che hanno collezionato più di 155.000 morti per coronavirus, di gran lunga la maggior parte di qualsiasi paese, e si stanno rapidamente avvicinando ad un boom con 5 milioni di infezioni confermate, senza dubbio le più alte al mondo.

Molti americani hanno resistito indossando maschere e distanze sociali, definendo tali precauzioni una reazione eccessiva o un’infrazione alla loro libertà. Gli esperti di sanità pubblica affermano che il problema è stato aggravato da una guida confusa e incoerente da parte dei politici.

La cosa che fa impazzire è che paese dopo paese e stato dopo stato ci hanno mostrato come possiamo contenere il virus“, ha detto il dottor Jonathan Quick del Duke Global Health Institute.

Coronavirus siamo troppo egoisti Stati Uniti in cima alla classifica

Le infezioni confermate negli Stati Uniti hanno superato i 4,7 milioni, con nuovi casi in corso a oltre 60.000 al giorno. Anche se è sceso da un picco di oltre 70.000 nella seconda metà di luglio, i casi sono in aumento in 26 stati, molti nel sud e nell’ovest, e le morti stanno aumentando in 35 stati.

In media, il numero di decessi COVID-19 al giorno negli Stati Uniti nelle ultime due settimane è passato da circa 780 a 1.056, secondo un’analisi dell’Associated Press.

Una recente festa in casa a Cape Cod cui hanno partecipato fino a 60 persone ha portato a più di una dozzina di nuovi casi e ha spinto alcuni ristoranti a chiudere o limitare il servizio durante la stagione turistica.

L’epidemiologo dell’Università della Florida, il dott. Cindy Prins, ha spiegato: “Questa è una malattia comportamentale in questo momento per molte persone“. Prevenire significa “cambiare il nostro comportamento, ed è così difficile da fare per gli esseri umani. Siamo creature sociali “.

In Virginia, i casi sono aumentati così tanto in città come Norfolk e Virginia Beach che il governo democratico Ralph Northam ha posto limiti lì la scorsa settimana alle vendite di alcolici e alle riunioni di oltre 50 persone. Northam, unico governatore della regione che è medico, ha citato crescenti infezioni tra i giovani e ha affermato che il problema è che “troppe persone sono egoiste“.

Sappiamo tutti che l’alcol cambia la tua soglia di attenzione“, ha detto. “Solo che non ti importa tanto del distanziamento sociale dopo aver bevuto un paio di drink.”

La dott.ssa Demetria Lindsay, direttrice distrettuale del Dipartimento della Salute della Virginia per Virginia Beach e Norfolk, ha affermato che c’è stato un forte aumento tra le persone dai 20 ai 29 anni. Ha detto che i fattori alla base dell’ondata includono riunioni di persone che non indossano maschere o che mantengono una certa distanza.

Festa del papà, Memorial Day, lauree, compleanni, barbecue nel cortile, comunque le chiami, sono assembramento“, ha detto Lindsay.

La ricerca ha dimostrato che le persone possono diffondere il virus prima di sentirsi male. Le maschere riducono la probabilità che le loro goccioline respiratorie raggiungano altre persone.

Josie Machovec, madre di tre figli che ha citato in giudizio per un’ordinanza sulla maschera nella contea di Palm Beach, in Florida, ha detto che non crede che il governo abbia il diritto di richiedere alle persone di indossare dispositivi medici e che non ha visto prove chiare che le maschere bloccano la trasmissione del virus.

Sono una persona che ha approfondito questo aspetto e non sento che sia la cosa giusta per me e i miei figli. Se siamo sani, non abbiamo bisogno di indossarle“, ha detto,” e se non siamo sani, se siamo malati, allora restiamo a casa “.

Nel Minnesota, un gruppo di elettori ha fatto causa al governatore Tim Walz e ad altri funzionari martedì per cercare di bloccare la richiesta che gli elettori indossino maschere facciali nei seggi elettorali.

Anche l’industria dei matrimoni sta assistendo a ricevimenti senza mascherine con piste da ballo affollate e nessuna distanza sociale.

La wedding planner Lynne Goldberg ha in programma un matrimonio di dicembre per 200 ospiti nella casa dei genitori della sposa nello stato di New York.

Hanno condiviso con enfasi che questa pandemia non ostacolerà i loro piani di matrimonio e che non ci saranno maschere distribuite e segni che promuovono l’allontanamento sociale al loro matrimonio“, ha detto. “La sposa ha detto che quando mostrerà ai suoi figli il video del suo matrimonio, non vuole che sia un documentario sulla pandemia del 2020“.

fonte@Local10.com

Loading...
Potrebbero interessarti

A casa da solo, terrorizzato le bambole si muovono

Un uomo terrorizzato si è ritrovato a casa da solo mentre le…

Morto per oltre un ora, si risveglia improvvisamente

Un australiano è sopravvissuto ad una morte clinica accertata, durante il sonno. Il…