Da quest’anno ci saranno più smartphone che esseri umani

L’italiano medio è iper-tecnologico: il 40% trascorre più di 4 ore su internet, ed il 69% si connette da smartphone o tablet, giudica scadenti i servizi pubblici, i servizi sanitari e la pubblica istruzione, e crede che applicando tecnologie smart, il muro cittadino-stato possa essere abbattuto.

Questo è il sunto di quello che è emerso dalla XVI edizione dell’Evento Annuale Ericsson, che ha coinvolto rappresentanti del mondo delle telecomunicazioni, dell’industria e delle istituzioni e start-up.

Evento durante il quale si è discussi dei risultati dello studio “Gli italiani e la Società Connessa,” condotto da Ericsson in collaborazione con LUISS Guido Carli, secondo cui gli italiani ripongono grande fiducia nella tecnologia e nella società connessa: servizi pubblici (31%), istruzione (29%) e sanità (27%) sono i tre ambiti che più degli altri, potrebbero beneficiare degli effetti positivi della digitalizzazione. Per il 71 per cento degli intervistati il digitale è in grado di migliorare la qualità della loro vita e per 72 per cento sono leve strategiche per lo sviluppo economico del Paese, attraverso la creazione di nuovi mercati e nuovi posti di lavoro.

Ma è un’altra la notizia che più ha attirato l’attenzione e forse smosso qualche coscienza: quest’anno è previsto lo storico sorpasso delle linee telefoniche mobili, ora a quota 7,2 miliardi, che supereranno la popolazione globale (7 miliardi). Più telefonini che esseri umani, in sostanza.

Loading...
Potrebbero interessarti

David Bowie: cantante, attore, ma anche pioniere del web

Oggi il mondo intero ha detto addio al famosissimo artista britannico David…

La Nasa registra aumento anomalia del campo magnetico terrestre

La Nasa sta monitorando una strana anomalia nel campo magnetico terrestre: una…