Dal 30 giugno l’Unità torna in edicola

Assente dalle edicole dal 1° agosto 2014, ma con una solida storia editoriale alle spalle, finalmente dal prossimo 30 giugno torna nelle edicole l’Unità.

Il Consiglio di amministrazione, l’Ad. Stefanelli e il nuovo direttore Vladimiro Ilic Frulletti stanno ultimando la sistemazione societaria e redazionale che consentirà al giornale fondato da Antonio Gramsci di tornare di nuovo ad essere stampato, composto di 24 pagine e al costo di 1,40 euro.

La redazione sarà composta da 33 tra giornalisti e poligrafici, come ha stabilito il nuovo accordo sindacale del 10 giugno, prevedendo l’assunzione di 3 giornalisti in più rispetto a quello di novembre. La redazione centrale sarà a Roma. Direttore responsabile sarà Vladimiro Ilic Frulletti, da sempre giornalista della stessa Unità per cui seguiva Matteo Renzi.

Definito l’assetto societario all’interno dell’Unità srl, di cui l’80% è di proprietà della Piesse, (società controllata al 60% da Guido Stefannelli e dal 40% da Massimo Pessina) mentre la Fondazione EyU è salita al 19,65%, con Guido Veneziani sceso sotto l’1%, uscito così dal Consiglio di amministrazione.

Next Post

Ostia, incendiata edicola di un esponente del Pd

Una storia brutta, in un’Italia in cui la Mafia pensa ancora di poter controllare la politica, e quando non riesce a corrompere col denaro e le mazzette, passa agli atti intimidatori. Nella scorsa notte un incendio doloso è stato appiccato nell’ edicola di proprietà di Sabrina Giacobbi, il segretario del […]