EcoBricks, 60 scuole già nate dal riciclo di rifiuti

Dare una possibilità di riscatto a coloro che nella vita hanno poco e niente, e poterlo fare aiutando allo stesso tempo l’ambiente, riciclando ed evitando un ulteriore impatto negativo?

Non pura utopia ma una bella realtà che è stata ideata e portata avanti dal progetto EcoBricks messo in piedi dall’ambientalista Susan Heisse, che in appena 69 mesi ha innalzato 60 istituti in diversi Paesi tra i più poveri del mondo, dalle Filippine al Guatemala, passando per il Sudafrica.

Tutte scuole dedicate all’istruzione di bimbi dei paesi più poveri del mondo e tutti costruiti con materiali di riciclo, in primis la plastica.  Grazie agli EcoBricks si riducono i rifiuti accumulati nelle discariche e nei villaggi e si costruiscono scuole con materiali isolanti. Inoltre si crea occupazione, anche tra i giovani. Non si costruiscono soltanto scuole, ma anche case, e l’associazione si sta occupando, inoltre, di creare orti ed ecovillaggi.

Nicola Vernon, uno dei fondatori dell’iniziativa, ha definito questo progetto un modello di transizione che si è adattato alle sfide di Greyton: “EcoBricks è il migliore esempio di integrazione sociale che io abbia mai incontrato in 30 anni di lavoro nei servizi sociali”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ashley Madison, si dimette il ceo fedifrago

Ormai l’attacco hacker al sito per appuntamenti Ashley Madison è diventato un…

Google lancia Your Timeline e brevetta nuove idee

Se si ha una vita frenetica, si viaggia in lungo e largo…