Elettrosmog, ecco come proteggersi

Redazione

Ogni giorno dobbiamo fare i conti con l’inquinamento, con tutto il male che stiamo facendo al nostro pianeta e, di conseguenza, anche a noi stessi.

Dobbiamo fronteggiare l’inquinamento delle acque, per non rischiare a breve di non avere più acqua potabile da bere, e quello dell’aria, per non continuare a respirare particelle tossiche che ci provocano tumori ed altre patologie anche molto gravi.

Ed ancora, dobbiamo fare i conti con l’inquinamento acustico, quello luminoso, quello termico, quello genetico, e potremmo continuare ancora per molto.

Ma forse uno dei più insidiosi, anche perché tra i meno conosciuti e quindi considerati meno pericolosi, c’è l’inquinamento elettromagnetico.

Comunamente indicato anche come “elettrosmog”, l’inquinamento elettromagnetico congloba una moltitudine di agenti fisici inquinanti e di diverse patologie potenzialmente correlabili. 

Con il termine inquinamento elettromagnetico si intende l’inquinamento derivante in genere da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti. Si parla quindi dell’intervallo di frequenze che va da 0 Hz (campi statici) alle frequenze della radiazione visibile (laser e luce incoerente).

Le radiazioni non vanno certo demonizzate, dato che sono utilizzate per trasportare informazioni ed energia: solo per citare le più comuni, sono radiazioni elettromagnetiche quelle emesse dagli apparecchi per fare le radiografie, dai satelliti artificiali, dai cellulari e dagli apparecchi wireless.

Elettrosmog ecco come proteggersi

Ma l’esposizione continuativa a queste radiazioni può creare problemi: secondo l’Oms le persone colpite da elettrosensibilità sarebbero tra l’1 e il 3% della popolazione, avvertendo i sintomi più svariati tra cui spiccano palpitazioni, capogiri e nausea, ma anche stati ansiosi, depressione, disturbi del sonno e della concentrazione e persino disturbi del sistema ormonale.

Come se non bastasse, i campi elettromagnetici da radiofrequenze sono stati classificati dallo Iarc, l’Istituto per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità, come possibili cancerogeni per l’uomo.

Non è stata quindi accertata con certezza assoluta la correlazione tra esposizione a queste onde e tumori, ma percependone la potenziale pericolosità già il legislatore italiano ha previsto che nel nostro paese, per legge, i limiti di emissione per le postazioni fisse ad alta frequenza, ovvero i ripetitori per segnali radio, tv, wimax, telefonia mobile sono di 6 V/m per gli ambienti abitati e 20 V/m in campo aperto.

Ecco allora che è fortemente consigliabile cercare di limitare l’esposizione il più possibile: ma come proteggersi?

Innanzitutto possiamo partire dalle onde che producono gli oggetti più vicini a noi.

Pensiamo al cellulare: potremmo cercare di tenerlo meno tempo possibile vicino al corpo, preferendo, per telefonare, l’uso degli auricolari, ricordandosi inoltre di staccare il Bluetooth, il Wi-Fi e la localizzazione.

Ma sono tanti gli oggetti elettronici presenti nelle nostre case che emanano onde: si può quindi cercare di evitare di usare il più possibile forni a microonde e piani di cottura ad induzione, ma anche TV collegate al Wifi, baby phone audio o video. 

Come regola generale, gli elettrodomestici non dovrebbero mai trovarsi vicino alla parete che dal lato opposto si trova vicino alla testiera del letto. La televisione o altri schermi devono invece essere posizionati ad una distanza di almeno un metro, come anche la radiosveglia.

In commercio, poi, esistono delle protezioni da onde elettromagnetiche certificate e verificabili. Di loro, nelle case, le mura spesse e compatte rappresentano già una buona protezione dall’elettrosmog, ma in caso contrario si può ovviare anche applicando del tessuto schermante al muro.

Altro consiglio utile è certamente quello di fare un inventario degli apparecchi elettrici ed eliminare quelli superflui.

E se non disdegnate soluzioni anche meno “convenzionali”, secondo alcune discipline orientali quarzo, malachite, ametista, tormalina e cristalli di sale assorbono le onde elettromagnetiche: queste pietre si possono quindi usare come soprammobili e tenerli vicino agli apparecchi inquinanti, in modo da limitarne l’impatto.  Come si è potuto intuire, non esistono soluzioni definitive anche perché i campi elettromagnetici sono onnipresenti, dentro e fuori dalla nostra casa, ma istallare un impianto domotico può aiutarci a ridurre l’esposizione all’elettrosmog: con un semplice comando a distanza si possono spegnere gli elettrodomestici tutti assieme, disconnettendo anche le prese, ed assicurandosi un ambiente più salutare almeno tra le mura domestiche.

Next Post

La mamma spiega il trucco per i fari appannati dell'auto

Una mamma ha spiegato come lucidare i fari appannati della propria auto. Una donna australiana di nome Leonie ha rivelato come è riuscita a lucidare i fari della sua auto usando un semplice trucco e tanti utenti hanno confermato l’utilità del trucco. Se un buon aspirapolvere e un autolavaggio può […]
La mamma spiega il trucco per i fari appannati de auto