Entrare più tardi a scuola per migliorare il rendimento

Chi di noi, nei lunghissimi anni di scuola, non ha desiderato, tutte le mattine, che la sveglia non suonasse così presto e che l’entrata in classe fosse fissato a un orario più “umano” per le stanche membra?

E per la prima volta, gli esperti assecondano quest’idea: al di là dell’innata pigrizia degli studenti, entrare a scuola più tardi potrebbe incidere positivamente sul rendimento scolastico.

Una ricerca del CDC, Center for Disease Control, ha analizzato le abitudini di riposo dei bambini e degli adolescenti americani arrivando alla conclusione che dormano troppo poco: per questo i ricercatori hanno bacchettato le scuole pubbliche e l’orario da loro applicato, definendolo non idoneo ai ritmi biologici dei ragazzi. Infatti l’orario di entrata nella maggior parte delle scuole medie e superiori in America è circa alle 8 di mattina, mentre secondo il CDC dovrebbe slittare alle 10, quando il metabolismo degli studenti entra a pieno regime.

Gli adolescenti che non dormono abbastanza finiscono – avvertono i ricercatori – per accumulare peso, non fare abbastanza attività fisica, soffrire di sintomi depressivi e adottare abitudini insidiose (alcol, fumo e abuso di sostanze), accumulando brutti voti a scuola. La ricetta per evitare tutti questi problemi è semplice, almeno all’apparenza: gli adolescenti dovrebbero poter riposare circa 8,5-9,5 ore a notte, per migliorare salute, qualità della vita e voti in pagella.

Loading...
Potrebbero interessarti

Capodanno 2018, dal prossimo anno nel cenone gli insetti

Come ogni anno, Coldiretti traccia un quadro approfondito di come gli italiani…

Influenza arriva il picco: italiani a letto

Italiani a letto durante le prossime settimane, sembra infatti che il nostro…