Evanescence, a marzo 2018 sbarcheranno nuovamente a Milano

Non gli è bastato il mega concerto di luglio, che ha infiammato le migliaia di fans accorsi: gli Evanescence sono pronti a tornare ancora una volta nello stivale.

Nello specifico saranno a Milano per un’unica data della loro tournée mondiale, lunedì 19 marzo 2018 al Teatro degli Arcimboldi.

La band capitanata da Amy Lee salirà sul palco accompagnata da un’orchestra: gli Evanescence riproporranno i grandi successi della loro carriera in una versione completamente riarrangiata e inedita.

La tournee è stata pensata per presentare i brani contenuti nel loro ultimo album, intitolato Synthsis e in uscita il 10 novembre. Il quarto progetto discografico della band statunitense include un totale di 16 tracce.

A collaborare con la band è David Campbell, compositore canadese che in passato ha arrangiato gli archi dei tre album precedenti della band.

Lo scorso febbraio è uscito “Love Exists”, singolo di Amy Lee, cantautrice e leader della band. In queste ore, invece, è stato lanciato “Imperfection”,primo singolo estratto dal nuovo album.

“Imperfection” è stata anticipata un mese fa dalla pubblicazione di una nuova versione orchestrale di uno dei brani più famosi della band, “Bring Me To Life”. Il singolo era stato scelto nel 2003 per lanciare il disco Fallen, ed è diventato anche colonna sonora del film Daredevil, con Ben Affleck.

I biglietti saranno disponibili in prevendita a partire dalle ore 10:00 di giovedì 21 settembre 2017 per gli iscritti a Vivo Club, e su Ticketone.it dalle ore 10.00 di venerdì 22 settembre 2017 e in tutti i punti vendita Ticketone e nelle prevendite autorizzate dalle ore 10.00 di lunedì 25 settembre 2017. Sono disponibili anche pacchetti VIP speciali con meet and greet e foto con la band.

Ricordiamo che gli Evanescence si sono formati nel 1995, ma hanno pubblicato il loro album di debutto solamente nel 2003. Nella loro carriera hanno pubblicato album (4 considerando quello composto da solamente demo).

“Fallen” li ha portati al successo vendendo 7 milioni di copie negli USA e più di 1 milione negli UK, “The Open Door” ha invece guadagnato 2 milioni di copie in territorio americano mentre “Evanescence” ha riscosso molto meno successo, con solo 3 certificazioni nel mondo.

Riuscirà “Synthesis” ad essere l’album della riscossa?

 

Next Post

IgNobel, vincono anche le ricerche assurde Made in Italy

Il premio IgNobel 2017 assegnato a dieci ricercatori autori di ricerche “strane, divertenti, e perfino assurde”, va anche a un’equipe di ricercatori della Sapienza Università di Roma, dell’Istituto Superiore di Sanità e di altri istituti di ricerca italiani. Il premio IgNobel assegnato ogni anno dalla rivista Annals of Improbable Research, giunto […]
IgNobel, vincono anche le ricerche assurde Made in Italy