Fumo è ormai la principale causa di morte in Italia

Un ennesimo controsenso all’Italiana: il nostro paese possiede il monopolio del tabacco, e quindi potrebbe scegliere in qualsiasi momento di ridurre la produzione di sigarette, a fronte di dati sempre più allarmanti legati al rischio del fumo, eppure si accontenta di lanciare allarmi e creare spot pubblicitari per dissuadere i fumatori dal loro vizio.

Secondo quanto afferma il ministero della Salute, che ha appena presentato una nuova campagna contro le sigarette intitolata: “Ma che sei scemo”, in Italia è la principale causa di morte: dai 70.000 agli 83.000 decessi l’anno e oltre il 25% di questi è compreso tra i 35 ed i 65 anni di età.

I fumatori in Italia sono circa 10,3 milioni (di cui 6,2 mln uomini e 4,1 mln donne) e l’iniziativa del ministero punta il dito contro il consumo e gli stili di vita, sottolineando come fumare faccia venire il cancro, danneggi chi sta intorno e possa portare alla morte: per la salute semplicemente quindi una cosa “scema”, da qui il titolo dello spot.

In più è in approvazione un nuovo decreto legge che prevede: divieto di fumo in macchina in presenza di minori e donne in gravidanza; pacchetti ‘occupati’ per il 65% della superficie con messaggi combinati, immagini shock e numero verde; divieto di fumo fuori dai reparti di pediatria e ginecologia; divieto di pubblicare i dati sul contenuto di catrame e nicotina (informazione considerata ingannevole); sanzioni più forti per chi vende sigarette ai minori fino al ritiro della licenza; divieto ai minorenni anche per le sigarette elettroniche, verifiche e controlli sui distributori automatici.

Next Post

Esodati, Padoan evasivo: nuovo provvedimento? Forse

Il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha risposto ai Question Time presentati alla Camera: per quanto riguarda gli esodati ha detto che il Governo valuterà un nuovo provvedimento di salvaguardia. Per gli esodati, dunque, il Governo potrebbe valutare la messa in campo di un provvedimento di salvaguardia. Potrebbe, perché “non […]
Esodati, Padoan evasivo nuovo provvedimento Forse