Gatti geneticamente modificati, brillano nell’oscurità
Gatti geneticamente modificati brillano ne oscurita

I gatti che sono stati geneticamente modificati per luccicare nell’oscurità vengono utilizzati per avere informazioni sul virus dell’Aids.

Gli scienziati hanno inserito un gene nei gatti che li aiuta a resistere alla forma felina di AIDS.

Hanno anche inserito un gene che produce una proteina fluorescente chiamata GFP, come riferisce la rivista Nature Methods.

Questa proteina, che viene prodotta naturalmente nelle meduse, viene comunemente utilizzata in quest’area di ricerca per monitorare l’attività dei geni alterati.

Lo abbiamo fatto per marcare facilmente le cellule semplicemente guardando al microscopio o facendo luce sull’animale“, ha affermato il dott. Eric Poeschla, della Mayo Clinic di Rochester, negli Stati Uniti.

Il gene antivirale proviene da un macaco di rhesus e produce una proteina chiamata fattore di restrizione che può resistere ai virus che causano l’Aids che colpiscono altri animali.

Il team degli Stati Uniti e del Giappone ha quindi trasferito questo gene, insieme a quello del GFP, in uova feline, note come ovociti.

Il metodo ha funzionato così bene che quasi tutta la prole delle uova modificate aveva i geni del fattore di restrizione. E queste proteine ​​sono state prodotte in tutto il corpo dei gatti.

I ricercatori hanno scoperto che in questi gatti vi era una ridotta replicazione del virus dell’Aids felino, noto come virus dell’immunodeficienza felina (FIV).

Proprio come fa il virus dell’immunodeficienza umana o l’HIV nelle persone, la FIV agisce eliminando le cellule T che combattono le infezioni.

La FIV infetta principalmente gatti selvatici, di cui ci sono mezzo miliardo nel mondo, ha affermato il dott. Poeschla. È trasmesso mordendo, in gran parte dai maschi che difendono il loro territorio, ma anche le gatte compagne vengono colpite.

Sia nell’uomo che nei gatti, le proteine ​​chiamate fattori di restrizione che normalmente combattono le infezioni virali sono indifese contro l’HIV e la FIV perché i virus si sono evoluti contro-armi potenti.

Ma alcune versioni scimmia di questi fattori di restrizione sono in grado di combattere i virus.

Finora, il team del dott. Poeschla ha testato solo le cellule prelevate dagli animali e ha scoperto che erano resistenti alla FIV. Ma alla fine hanno in programma di esporre i gatti al virus e vedere se sono protetti.

Se potessi dimostrare di conferire protezione a questi animali, ci fornirebbe molte informazioni sulla protezione degli esseri umani“, ha spiegato il ricercatore della Mayo Clinic.

Loading...
Potrebbero interessarti

Stravolto oroscopo, esiste un tredicesimo segno zodiacale

Un vecchio post sul blog della NASA è riemerso ed è diventato…

Fotografato oggetto misterioso durante una tempesta di fulmini

Durante una tempesta a San Antonio il 16 ottobre scorso,un misterioso oggetto…