Giancarlo Magalli e Adriana Volpe ecco le sue verità

Tiene ancora banco la vicenda “Magalli-Volpe” che ha imperversato negli ultimi giorni, ma proprio in queste ore l’autore e presentatore Giancarlo Magalli ha dedicato una lunga intervista a “Il fatto quotidiano” svelando le tante verità del suo passato, ma ripercorriamo la vicenda.

Ormai si sta trasformando in una diatriba senza fine lo scontro tra Giancarlo Magalli e Adriana Volpe: in realtà c’è già un vincitore, perché Magalli è stato riconfermato al timone de “I Fatti Vostri” mentre la Volpe ha perso il suo contratto, eppure le frecciate e le dichiarazioni al vetriolo non accennano ad arrestarsi.

Solo qualche ora fa vi abbiamo raccontato delle pesantissime accuse della conduttrice all’ex collega: “Mi sono sentita verbalmente violentata da un collega che mi ha messo nella condizione di dover un giorno giustificare, con mia figlia, come e perché ho svolto il mio lavoro in Rai“.

Ma Magalli non ci sta e in una lunga intervista a doppia pagina su Il Fatto Quotidiano, tra vecchi ricordi e racconti anche piccanti, spende qualche parola per la bionda conduttrice, negando di essere misogino:  “Ho lavorato con tutte” e nomina Simona Ventura, Milly Carlucci, Simona Marchini e Vanessa Incontrada. Mai nessun problema. “Ho avuto problemi solo con Adriana Volpe e Heather Parisi.

E con una grossa differenza: “Heather è una rompipalle clamorosa, ma quando lavora una professionista assoluta”.

Quindi enuncia i problemi riscontrati con l’ex collega: “La Volpe è stato un dolore. Sulla pelle mia. A me piace lavorare, a causa sua ci andavo con il magone”.

I problemi, racconta, derivavano dalla sua scarsa capacità di cogliere le sue fulminanti battute: “La Volpe non capisce e me le smorza tutte”. E poi aggiunge: “Un anno fa durante i Fatti Vostri Guardì annuncia che lei doveva lasciare la trasmissione per volare a Cannes. Adriana fiera: ‘Questa sera proiettano un film in cui sono protagonista’. La sera vado a controllare: il film era prodotto da un maestro di tennis, non era in concorso, era stata affittata una sala privata solo per proiettarlo al Festival e lei non era neanche protagonista”. Aggiunge perfido: “Nel trailer compare di passaggio mentre un cane emette forti peti”.

Però la Volpe non è l’unica donna su cui ha riserve, ce l’ha anche con Anna Falchi: “Non pensava a quello che diceva. Durante Domenica In ha raccontato in diretta la barzelletta di Superman che somodizzava l’Uomo invisibile. La sua presenza fu un’altra genialata di Agostino Saccà e queste sue intemperanze lessicali scatenarono la concorrenza di Mediaset, in quel momento in difficoltà per gli ascolti, con Maurizio Costanzo che chiese di chiudere il programma“.

Poi un giudizio negativo anche su Barbara d’Urso: “Non mi piace la tv basata sull’esagerazione, sui falsi sentimenti, sulla speculazione delle lacrime”.

E per dimostrare il rispetto che prova per le donne, svela alcuni dettagli piccanti di quando stava sui set dove suo padre lavorava: “Un giorno mi dicono: Giancà, la vedi? Quella è la Lollobrigida, avvicinati e tirati giù i pantaloni, mostrale il pisello“, e lui lo ha fatto: “Ovvio! Ricordo ancora le risate. Il dispiacere è arrivato molti anni dopo, quando l’ho intervistata e tutto orgoglioso le ho ricordato l’episodio, certo di averla stupita. Macché, il vuoto“.

Next Post

Tumore al polmone, la grande efficacia dell’immunoterapia

Che sia colpa dell’aria sempre più inquinata, che dipenda dalla crescita esponenziale dei fumatori, che la componente ereditaria giochi un ruolo di rilievo, quello che conta è che purtroppo il tumore al polmone è ancora tra le tipologie di carcinomi più diffusi, e anche tra quelli con i tassi di […]