Gracia de Torres, lato b da urlo solo merito della natura?

In tanti, durante tutta l’ultima edizione dell’Isola dei Famosi, si sono chiesti una sola cosa: come può il lato B di Gracia De Torres apparire così sodo e sfidare ogni legge della gravità, anche di fronte all’indubbia fame che i naufraghi hanno patito e che li ha fatti tornare in Italia smunti e fin troppo smagriti?

Per molti la risposta è stata scontata: la bella modella è passata dal chirurgo, che ci ha messo del suo per rendere perfetto un fisico che indubbiamente già è spettacolare di suo.

Ma Gracia, di ritorno dall’Honduras, ci ha tenuto a ribadire più volte la sua verità: il fondoschiena è merito solamente di madre natura e di estenuanti sessioni in palestra naturalmente.

“Non ho protesi sul sedere – ha rivelato Gracia a Pomeriggio Cinque – E’ tutto naturale. Ho lavorato tantissimo sul mio fisico e ho sempre fatto tanto sport”.

Il dottor Lorenzetti, esperto di chirurgia plastica invitato in studio per fornire il suo parere, è dell’idea che il posteriore sia “contraffatto”, perché nessun muscolo gluteo si implementa in quella maniera, quindi invita la ragazza ad andare da un radiologo e portare un referto.

“Onestamente – ha controbattuto la De Torres – ho cose più importanti a cui pensare nella mia vita. Ho detto che il mio lato b è naturale. Non ho nulla contro la chirurgia plastica, sono anche andata da un chirurgo plastico per rifarmi il seno (poi non l’ho fatto) per il mio lavoro. Se fossi rifatta non avrei nessun problema a dirlo. Adesso però basta, sono venuta qui ho risposto educatamente alle vostre domande. Va bene tutto ma sempre con rispetto. Non posso passare la mia vita a dimostrare che il mio …. è normale”.

Next Post

Apple: basta password, solo impronte digitali

Basta con le password, Apple punta solo sulle impronte digitali. In effetti, non se ne poteva più. Fra siti, social, banche e così via, si contano decine, centinaia di password, che ovviamente non possiamo ricordare tutte. Allora ce le dobbiamo segnare e sovente andare a rileggere. Insomma, una complicazione e […]
Basta con le password, Apple punta sulle impronte digitali