I nonni non muoiono, diventano soltato invisibili

I nonni non muoiono mai, diventano invisibili e restano per sempre nel profondo del nostro cuore. E anche oggi ci mancano, daremmo qualsiasi cosa per ascoltare le loro storie, sentire le loro carezze e guardare quegli occhi pieni di tenerezza.

Mentre i nonni hanno la gioia di vederci nascere e crescere, noi dobbiamo vederli invecchiare fino a dirci addio. La morte di un nonno è di solito il primo addio che dovremo affrontare nella nostra infanzia.

I nonni, che svolgono un ruolo attivo nel far crescere i nipoti, lasciano nel nostro spirito tracce e lasciti che ci accompagneranno per tutta la vita.

Oggi è molto comune vedere i nonni partecipare alla crescita dei loro nipoti. Rappresentano un prezioso supporto nelle famiglie. I bambini, tuttavia, sentono molto bene che il ruolo dei nonni è diverso da quello dei loro genitori.

È comune che nonni e nipoti sviluppino un legame molto speciale, profondo e intimo, quindi la perdita dei nonni può essere molto scioccante e delicata nella personalità di un bambino o di un adolescente.

Dire addio ai nonni: la prima esperienza di perdita

Per alcuni di noi che hanno raggiunto l’età adulta e hanno i nostri nonni al nostro fianco, si può dire di esser stati veramente dei privilegiati, tuttavia, altri, hanno dovuto affrontare la loro morte quando erano ancora nella prima infanzia e i bambini continuano a non capire una perdita come questa in tutta la grandezza. Di solito, gli adulti non sono in grado di spiegare completamente cosa è successo e cercano di ammorbidire la morte come se “non facesse male”.

Gli adulti dovrebbero spiegare chiaramente le cose ai propri figli e dire loro la verità, questo è il consiglio dei pedagoghi. Tuttavia, è necessario evitare di commettere l’errore di molti genitori nel prevenire l’ultimo addio del bambino con suo nonno in ospedale o raccontare metafore come “il nonno è andato in cielo”…

– Dobbiamo aiutare il bambino a capire la morte in modo semplice e senza metafore, in modo che non si formino idee sbagliate. Quando diciamo che il nonno se n’è andato, è probabile che sia la domanda del bambino, quando tornerà.

– Se proviamo a spiegare la morte del bambino da un punto di vista religioso, è necessario sottolineare il fatto che il defunto non “tornerà”. Le spiegazioni devono essere molto brevi, semplici e al punto da ricordare che una mente giovane può assorbire solo una quantità limitata di informazioni.

– È anche importante che gli adulti non nascondano i loro sentimenti e le loro lacrime davanti agli occhi dei bambini. Dobbiamo insegnare loro che la morte non è un tabù. È necessario sfogarci per la perdita di una persona cara, dovremmo soffrire e ne parliamo liberamente. I bambini lo faranno al momento giusto e quando avranno una migliore comprensione di tali eventi sfortunati, nel frattempo dobbiamo essere bravi a facilitarli nella comprensione.

– Dobbiamo assicurarci che i bambini ci facciano domande e queste richieste richiedono risposte intelligenti e precise. La perdita dei nonni durante l’infanzia o l’adolescenza sarà sempre una questione molto complessa, e la cosa migliore da fare in questo momento è quella di addolorarsi con tutta la famiglia e prestare molta attenzione a qualsiasi domanda o necessità dei propri figli.

Anche se non ci sono più, sono molto presenti

– Anche se non ci sono più, i nonni sono sempre nelle nostre vite, in quei luoghi comuni che condividiamo con la nostra famiglia.

– La presenza dei nonni è in quelle foto ingiallite che si trovano in una cornice e non nella memoria del cellulare. I nonni sono presenti nell’albero che una volta seminavano con le proprie mani o nel vestito che conserviamo ancora e che la nonna lo ha cucito.

– Sono ancora presenti negli odori delle torte che rimangono nella nostra memoria emotiva. Il loro ricordo è anche in ciascuno dei saggi consigli che abbiamo ricevuto da loro, nelle storie che hanno condiviso con noi, nel modo in cui facciamo i nodi ai lacci delle nostre scarpe e persino in quella fossetta nel mento che abbiamo ereditato da loro.

– I nonni sono presenti nei nostri sentimenti in modo profondo e delicato. Non muoiono mai, sono più che semplici genetiche.

– È un linguaggio di abbraccio, una dolce carezza, un sorriso complice e una passeggiata pomeridiana che si divide in silenzio mentre guardiamo il tramonto.

– Nell’eredità affettuosa di coloro che ci amano davvero e che ci onorano ricordandoci ogni giorno.

Loading...
Potrebbero interessarti

Telethon, il 13 ed il 14 dicembre un cuore di cioccolato per sostenere la ricerca

Il 13 ed il 14 dicembre in 2000 piazze italiane ci saranno…

Puglia, allarme: nuovi focolai di Xylella fastidiosa

Allarme: nuovi focolai di Xylella fastidiosa in Puglia. A Francavilla Fontana, nei…