I sette sigilli dell’Apocalisse di Giovanni, quanto tempo ci manca

Redazione

Il sesto capitolo dell’Apocalisse è una continuazione della visione che ebbe il profeta Giovanni del libro sigillato con sette sigilli, presentatagli nel capitolo precedente.

Quando i sette sigilli sono stati aperti, sono state descritte scene affascinanti in una sequenza profetica e simbolica, in uno stile di scene vivide e animate, relative all’ascesa, alla trasformazione e alla decadenza dell’Impero Romano e alle sue orrende persecuzioni del rimanente popolo di Dio.

I sette sigilli rivelano dettagli sul periodo storico di quel potere simbolicamente rappresentato dalla prima bestia che salì dal mare, secondo Apocalisse 13.

I sette sigilli Apocalisse di Giovanni quanto tempo ci manca
Rappresentazione dell’Apocalisse (foto@Wikimedia)

Sette sigilli: Cosa rappresentano

“E vidi quando l’Agnello si aprì uno dei sette sigilli, e udii uno dei quattro esseri viventi dire con voce di tuono: Vieni! Ho guardato, ed ecco un cavallo bianco; e colui che vi era montato aveva un arco; e gli fu data una corona, ed egli uscì vincitore e per vincere”. Apocalisse 6:1 e 2.

Ai tempi dell’ispirazione dell’Apocalisse, il cavallo era un emblema di forza, unita alla sua velocità. Il colore bianco del cavallo, in questo caso, non rappresenta la purezza, ma la pace.

Questo cavaliere non poteva essere Gesù Cristo, nonostante l’interpretazione del cavallo bianco, perché non avrebbe partecipato a nessun gruppo di cavalieri portatori di cattivi presagi.

Questo insieme formato dal cavallo bianco, arco e corona sono simboli di vittoria. Dimostra simbolicamente i tempi d’oro dell’Impero Romano, che era sostenuto dalla forza del suo potere.

Tutte le nazioni che erano sotto il suo governo dovevano obbedire e tutti gli abitanti vivevano sotto le sue regole e autorità.

Il secondo sigillo, in contrasto con il primo, presenta un cavallo rosso, il cui colore rivela guerra o discordia. Fu dato al cavaliere che era montato su di lui per prendere la pace dalla terra, quella pace che esisteva ai tempi d’oro dell’Impero Romano, simboleggiata dal Cavallo Bianco.

Il colore rosso nella profezia ha il significato di spargimento di sangue: Isaia 63:1-6. Il suo cavaliere aveva una grande spada. La spada indica l’uccisione: Isaia 34:5 e 6; 66:16; Geremia 25:31; 50:35-37; Ezechiele 21:28.

“Quando il terzo sigillo si aprì, udii la terza creatura vivente dire: Vieni! E guardai, ed ecco un cavallo nero; e quello che vi montava sopra aveva una bilancia in mano. E udii una voce in mezzo ai quattro esseri viventi, che diceva: Un frumento acuto per un denaro e tre spighe d’orzo per un denaro; e non nuocere all’olio e al vino”. Apocalisse 6:5 e 6.

Il cavallo nero del terzo sigillo e il suo cavaliere, simboleggiano la scarsità e la carestia. Sono in realtà conseguenze della guerra civile.

Tuttavia, il testo biblico menziona che l’olio e il vino non devono essere danneggiati. La disponibilità di questi prodotti di lusso e non essenziali sarebbe un’indicazione che le classi medio-alte e ricche, pilastri finanziari dell’Impero Romano, avrebbero attraversato tempi molto difficili.

“Quando il quarto sigillo fu aperto, udii la voce del quarto essere vivente che diceva: Vieni! E io guardai, ed ecco un cavallo pallido, e quello che cavalcava su di esso si chiamava Morte; e l’Ade andò con lui; e fu data loro autorità su un quarto della terra, per uccidere con la spada, con la fame, con la peste e con le bestie selvatiche della terra”. Apocalisse 6:7 e 8.

Il cavaliere che era montato sul cavallo pallido, nel quarto sigillo, era l’unico nominato. Il suo nome era: “morte”. La morte è l’immediata conseguenza dei quattro giudizi di Dio: spada, carestia, pestilenza e bestie feroci della terra, che sono riportati anche in Ezechiele 14:12-23:

Come nel libro di Ezechiele, questi stessi giudizi di Dio compaiono nel quarto sigillo, portando la morte sulla quarta parte della terra.

Sono solo i precursori della caduta dell’Impero Romano, a causa delle sue azioni violente e oppressive contro il rimanente popolo di Dio. Guerre, carestie, pestilenze e invasioni di popoli barbari furono decisive per l’indebolimento di questo potere.

Apocalisse di Giovanni (Foto@Wikimedia)

Le parole profetiche ebbero il loro compimento a partire dalla fine del II secolo, quando l’Impero Romano fu scosso da una serie di disgrazie e si estese fino alla sua definitiva caduta. Si chiama causa ed effetto.

“Quando aprì il quinto sigillo, vidi sotto l’altare le anime di coloro che erano stati uccisi per la parola di Dio e per la testimonianza che avevano reso. E gridarono a gran voce, dicendo: Fino a quando, o Sovrano, santo e veritiero, non giudicherai e vendicherai il nostro sangue su coloro che abitano sulla terra? E a ciascuno di loro furono date lunghe vesti bianche e fu detto loro di riposare ancora un po’, finché il numero dei loro compagni di servizio e dei loro fratelli, che dovevano essere uccisi, proprio come loro, fosse completato». Apocalisse 6:9-11.

Con l’apertura del quinto sigillo, i martiri chiedono vendetta. Sono i martiri che furono uccisi durante le persecuzioni della Roma pagana.

Ma come chiederebbero vendetta i martiri se sono morti? Le rivendicazioni simboliche dei martiri sono identiche alle rivendicazioni presentate nella Genesi, nella lettera degli Ebrei, nel vangelo di Luca.

Va sottolineato che i martiri di queste persecuzioni risalgono all’impero romano pagano, identificato nel libro dell’Apocalisse come “la bestia che salì dal mare” (Apocalisse 13). Come la voce del sangue di Abele gridò a Dio dalla terra, così i martiri gridarono a gran voce, dicendo:

Fino a quando, o vero e santo Sovrano, non giudicherai e vendicherai il nostro sangue su coloro che abitano nel terra?” Apocalisse 6:10.

“E vidi quando si aprì il sesto sigillo, e ci fu un grande terremoto; e il sole divenne nero come un sacco di capelli, e tutta la luna divenne come sangue; e le stelle del cielo caddero sulla terra, come quando un fico, scosso da un forte vento, lascia cadere i suoi fichi verdi. E il cielo si ritirò come un libro che rotola; e tutti i monti e le isole furono rimossi dai loro luoghi. E i re della terra, ei grandi, ei capi militari, ei ricchi, ei potenti, e ogni schiavo, e ogni libero, si nascosero nelle caverne e nelle rocce delle montagne; e dissero ai monti e alle rocce: Cadete su di noi e nascondeteci dalla faccia di colui che siede sul trono, e dall’ira dell’Agnello; poiché il gran giorno della loro ira è giunto; e chi può stare in piedi?” Apocalisse 6:12-17.

Il grande terremoto avvenuto all’apertura del sesto sigillo rivela un periodo di angoscia, trasformazione e instabilità con l’adozione del cristianesimo da parte dell’Impero Romano.

L’impensabile era accaduto. Affrontando in modo pragmatico il cristianesimo, Costantino modificò il corso della storia romana, che assunse una nuova veste, segnata da una svolta nei rapporti Chiesa-Stato.

La cristianizzazione di Roma nel IV secolo fu una strategia ben congegnata da Costantino. Capì che la vasta rete della Chiesa poteva rivelarsi un valido aiuto nell’unificazione e nel conseguente governo di un così vasto Impero.

Attualmente, molti cristiani associano gli eventi del sesto sigillo al terremoto di Lisbona, avvenuto il 1°. Novembre 1755, fino al giorno oscuro del 1780 e alla caduta delle stelle nel 1833.

Insegnano che gli eventi del sesto sigillo culminano nella seconda venuta di Cristo su questa terra, e il settimo sigillo è la manifestazione della venuta di Cristo.

“Quando aprì il settimo sigillo, ci fu silenzio in cielo per quasi mezz’ora. E vidi i sette angeli in piedi davanti a Dio, e furono date loro sette trombe. Un altro angelo venne e si fermò presso l’altare, con un turibolo d’oro; e gli fu dato molto incenso, affinché lo offrisse con le preghiere di tutti i santi sull’altare d’oro che è davanti al trono. E dalla mano dell’angelo si levava davanti a Dio il fumo dell’incenso con le preghiere dei santi. Allora l’angelo prese il turibolo, lo riempì del fuoco dell’altare e lo gettò a terra; e ci furono tuoni, voci, fulmini e un terremoto”. Apocalisse 8:1-5.

L’apertura del settimo sigillo sono le sette trombe. C’è stato silenzio in cielo per “quasi mezz’ora”. Mezz’ora nella profezia è un periodo di circa 7 giorni.

Il numero 7 indica la perfezione oltre che il compimento, cioè Dio inizia e finisce. Comprendiamo che questa sia un’indicazione che Dio si sta preparando a compiere le sue azioni nel mondo, portandolo a compiere le sue intenzioni e i suoi decreti.

Le Sacre Scritture rivelano che al termine dell’apertura dei sette sigilli venne un Angelo di Dio. Prese il turibolo, lo riempì del fuoco dell’altare e lo gettò sulla terra (Apocalisse 8:5).

Questo atto può essere inteso come una risposta di Dio alle preghiere dei santi, preparandoli ai prossimi e solenni eventi sulla faccia della Terra.

fonte@verdadeemfoco

Next Post

Sognare una persona morta, cattivo presagio?

I sogni sono manifestazioni dell’inconscio che, in generale, portano messaggi sulla vita di chi vive il sogno. Hanno un significato ampio, ma valutabile in base ai dettagli visualizzati durante il sogno, che contribuiscono ad interpretare quelli che spesso vengono definiti presagi. Quindi, anche se il significato di un particolare sogno […]
Sognare una persona morta cattivo presagio