Iggy Pop trasgressivo anche a Cannes

È senza dubbio un mito del rock, di quello dionisiaco, punk, rivoluzionario della fine degli anni ’60, e l’energia è sempre la stessa di mezzo secolo fa: Iggy Pop sbarca a Cannes ed è inutile dire che tutti gli occhi sono per lui, a partire dal suo solito abbigliamento poco consono al red carpet.

A Cannes, fuori concorso, si è visto «Gimme Danger», il film che Jim Jarmusch ha dedicato a Iggy Pop e alla sua band originaria, gli Stooges, ed è proprio per la presentazione del film che il controverso musicista si è lasciato intervistare.

A detta di Iggy Pop, Gimme Danger racconta di un periodo più innocente “un’epoca in cui non avevamo alcuna idea di cosa fossero i diritti d’autore, le royalties. Non ti arricchivi velocemente come oggi”.

«Ho visto il film nella notte – ha commentato poi il rocker, all’anagrafe Jim Osterberg – e guardandomi da giovane strafatto, ho pensato di essere il perfetto risultato di quegli anni».

Basta poco per iniziare a parlare di droghe: “In pratica nella maggior parte di quei filmati che abbiamo raccolto per Jarmusch mi vedete sotto acido. Quando ero giovane e prendevo le droghe diventavo aggressivo per pochi secondi e poi scoppiavo a ridere”.

Oggi però niente più droghe: “Sono più un tipo da vino. Direi che un buon vino è la mia droga numero uno. L’erba va anche bene. Ai tempi però un bicchiere di vino portava all’erba, l’erba portava ai funghetti, e poi era l’ora della mescalina!”.

Next Post

The Last Face, Sean Penn a Cannes porta l’amore

The Last Face, il film d’amore diretto da Sean Penn concorre per la Palma d’Oro al Festival di Cannes 2016. Quello che racconta Sean Penn nel suo film è un amore impossibile. Qualcuno lo ha definito un “dramma nel melodramma e viceversa”. La protagonista è Wren Patersen, interpretata da Charlize […]
The Last Face, Sean Penn a Cannes porta l’amore